I 12 passi di Overeater Anonymous

di

Il programma di recupero di O.A. (persone dipendenti da cibo) ha come modello quello degli Alcolisti Anonimi. Ne parliamo con l’associazione di Catania Vita Nuova.

Come si usano i 12 passi?

Noi usiamo i 12 passi e le 12 tradizioni di A.A. cambiando solo le parole “alcool” e “alcolista” con “cibo” e “mangiatore compulsivo”. Come testimoniano le nostre storie personali, il programma di recupero dei 12 passi funziona per i mangiatori compulsivi come per gli alcolisti.

Possiamo garantire alle persone affette da questa dipendenza il recupero?

La risposta è semplice: se affronterai onestamente la verità su te stesso e sulla tua malattia, se continuerai a venire alle riunioni, a parlare ed ascoltare altri mangiatori compulsivi in recupero, se leggerai la nostra letteratura e quella di Alcolisti Anonimi con la mente aperta e cosa più importante, se sei disposto a fare assegnamento su un potere più grande di te che guidi la tua vita e i 12 passi al meglio delle tue capacità, crediamo che tu possa veramente recuperare la tua vita.

Per rimediare alla malattia fisica, emotiva e spirituale del mangiare compulsivo offriamo vari suggerimenti, ma ricorda che la base del programma è spirituale, come risulta evidente dai 12 passi. Non siamo un club di diete e calorie. Non appoggiamo alcun particolare piano alimentare.

Una volta che siamo astinenti la preoccupazione per il cibo diminuisce e in alcuni casi sparisce completamente. Allora ci accorgiamo che per reggere la nostra agitazione interiore dobbiamo avere un nuovo modo di pensare e agire nella vita piuttosto che reagire, in breve un nuovo modo di vivere.

I 12 passi sono un programma attraverso il quale ci salvaguardiamo dal mangiare compulsivo. Se il nostro lavoro su questi passi, un giorno alla volta, diventa uno stile di vita, godremo di un’esperienza di vita più piena. Mettendo in pratica il programma, migliaia di mangiatori compulsivi sperimentano il recupero. Questo recupero spesso si manifesta come:

  • Libertà dalla schiavitù del mangiare compulsivo
  • Un modo di vivere che metta il cibo nella giusta prospettiva
  • Affidamento ad un Potere più grande di noi
  • Cambiamenti di atteggiamento riguardo a noi stessi e ai nostri rapporti con gli altri, con Dio e col mondo intorno a noi
  • Uno stato di benessere equilibrato, sereno e realistico

Questi sono i 12 passi

1° Passo. Noi abbiamo ammesso di essere impotenti di fronte al cibo e che la nostra vita era diventata incontrollabile.

2° Passo. Siamo giunti a credere che un Potere più grande di noi avrebbe potuto restituirci la salute della mente.

3° Passo. Abbiamo deciso di affidare la nostra volontà e la nostra vita alla cura di un Potere Superiore COSI’ COME NOI POTEVAMO CONCEPIRLO.

4° Passo. Abbiamo fatto un inventario morale profondo e coraggioso di noi stessi.

5° Passo. Abbiamo ammesso davanti a questo Potere Superiore, di fronte a noi stessi e di fronte ad un’altra persona, la natura esatta dei nostri torti.

6° Passo. Siamo giunti ad accettare, senza riserve, che il Potere Superiore eliminasse tutti questi difetti del nostro carattere.

7° Passo. Gli abbiamo umilmente chiesto di porre rimedio alle nostre insufficienze.

8° Passo. Abbiamo fatto un elenco di tutte le persone a cui abbiamo fatto del male e, abbiamo deciso di fare ammenda verso tutte queste persone.

9° Passo. Abbiamo fatto direttamente ammenda verso queste persone quando possibile, salvo nei casi in cui questo avrebbe potuto recar danno a loro e ad altri.

10° Passo. Abbiamo continuato a fare il nostro inventario personale e, quando ci siamo trovati in torto lo abbiamo ammesso senza esitare.

11° Passo. Abbiamo cercato, con la preghiera e la meditazione, di migliorare il nostro contatto cosciente con il Potere Superiore COSI’ COME NOI POTEVAMO CONCEPIRLO, chiedendogli solo di farci conoscere la sua volontà e darci la forza per compierla.

12° Passo. Avendo ottenuto, come risultato di questi passi, un risveglio spirituale, abbiamo cercato di trasmettere questo messaggio ai mangiatori compulsivi e di mettere in pratica questi principi in tutti i campi della nostra vita.

OA è un’associazione religiosa?

OA non è un’associazione religiosa poiché non richiede alcun credo religioso come condizione per essere membri. Tra i membri OA vi sono persone con fedi diverse così come atei ed agnostici. Il programma OA si basa sull’accettazione di certi valori spirituali. I membri sono liberi di interpretare questi valori come meglio credono o di non interpretarli affatto se così scelgono. Molte persone giunte in OA hanno avuto perplessità nell’accettare il concetto di un potere più grande di noi. L’esperienza di OA ha dimostrato che quelli che hanno avuto una mente aperta su questo argomento e che hanno continuato a frequentare le riunioni non hanno poi avuto problemi ad elaborare una propria soluzione per questo argomento molto personale.

Chi fa parte di OA?

In OA ci sono persone molto diverse tra loro, alcuni sono molto sovrappeso, altri solo un po’, altri ancora con un peso normale, altri sottopeso, chi controlla severamente il proprio comportamento alimentare o chi ha perso totalmente il controllo sul proprio mangiare compulsivo.

Le esperienze dei membri OA sono molto diverse. Tra i sintomi possono esserci: ossessione per il proprio peso, e taglia, abbuffate o digiuni, preoccupazione per le diete ipocaloriche, abuso di diuretici e lassativi eccessivo esercizio fisico, vomito autoindotto dopo aver mangiato, masticare e poi sputare il cibo, uso di pillole anoressizzanti o altri medicinali per il controllo del peso, incapacità di smettere di mangiare certi cibi dopo aver dato il primo morso, fantasie sul cibo, vulnerabilità ai programmi che promettono rapidi cali di peso, costante preoccupazione per il cibo, uso del cibo come ricompensa o come conforto.

A Catania puoi contattare Vita Nuova c/o Parrocchia Santi Pietro e Paolo via Siena 1

Giovedì 18:30 – 20:00 per info: 3492304598

mail: oa.catania@libero.it