Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

La vergogna nella clinica e nel legame sociale

4

PALERMO – “Morire di vergogna è il solo affetto della morte che meriti – che meriti cosa? – che la meriti”, diceva Lacan a coloro che assistevano al suo Seminario durante gli anni “caldi” della contestazione, quando era piuttosto la spudoratezza a farla da padrone. Sottomessi, senza saperlo, al Discorso dell’Università, che faceva di loro dei “sottoproletari”, cioè degli scarti del sistema, nulla più che “unità di valore”, sottomessi a un imperativo che Lacan sottolinea con queste parole: “Più sarete ignobili […] meglio sarà”, essi diventavano parte integrante del regime che contestavano, che li metteva in mostra dicendo: “Guardateli godere”.

Quello sguardo dell’Altro non produceva per essi il “morire di vergogna” che Lacan auspicava; non è lo sguardo evocato da Lacan nel Seminario XI[4], che Sartre aveva messo in rilievo come quello in grado di far sorgere la vergogna: sto guardando dal buco della serratura e un suono di passi nel corridoio fa sorgere la dimensione dello sguardo che mi precipita nella vergogna, in quanto improvvisamente mi vedo guardato. È piuttosto uno sguardo che gode della scena, che gode nel “guardarli godere”; lo sguardo della Società dello spettacolo, in cui tutto è messo in mostra e nulla ha valore, lo sguardo che proviene da un Altro che non ha più lo stesso statuto in quanto si è vaporizzato nella sua funzione e si manifesta come inesistente. Come ricorda Miller nel testo Nota sulla vergogna, “siamo in un’epoca in cui lo sguardo dell’Altro, che causa vergogna, si è eclissato” .

“Non storcete il naso, siete stati serviti, potete ben dire che non c’è più vergogna”: ecco l’enunciato che ben si attaglia alla nostra epoca per descrivere cosa ne è oggi dell’affetto della vergogna. Con il suo correlato: “Allora vi resterà la vita come vergogna da ingoiare, dal momento che essa non merita che se ne muoia”.

Già nel 1958, articolando clinica e politica, Lacan enunciava: “Vi sono infelicità dell’essere che la prudenza dei colleghi e la falsa vergogna che dà sicurezza alle dominazioni, non osano espungere da sé. Va formata un’etica che integri le conquiste freudiane sul desiderio: per mettere in capo ad essa la questione del desiderio dell’analista”.

Paola Bolgiani

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci