Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

Istituto Bellini, i sindacati chiedono di istituire un tavolo permanente

4

Le segreterie provinciali di Cgil, Cisl, Uil con le rispettive federazioni di categoria Flc Cgil, Cisl Università e Uil Rua, al termine dell’assemblea dei lavoratori dell’istituto musicale Vincenzo Bellini, chiedono al Prefetto di istituire un tavolo permanente sull’Istituto, presidio culturale di assoluto pregio per Catania e per la Sicilia Orientale fin dal 1951, per affrontare i gravi problemi economici che hanno indotto la crisi dell’Istituto e il processo di statizzazione, che si concluderà solo nel mese di gennaio 2020.
Al sindaco di Catania Salvo Pogliese, le organizzazioni sindacali chiedono di liquidare le risorse spettanti e postate a bilancio per l’Istituto, sia del Comune che della Città Metropolitana, al fine di scongiurarne la paralisi delle attività e dell’anno accademico 2018/2019, e, altresì, di farsi portavoce nei confronti della Regione affinché nei trasferimenti delle somme spettanti alla Città metropolitana vengano inserite anche quelle che vanta l’Istituto Bellini.
«La situazione economica dell’istituto Bellini è gravemente deficitaria – dicono i segretari generali Giacomo Rota (Cgil) e Antonella Di Stefano (Flc Cgil), Maurizio Attanasio (Cisl) e Antonella Lanzafame (Cisl Università), Enza Meli (Uil) e Alfredo Lo Presti (segreteria regionale Uil Rua) – e l’attribuzione di 725mila euro, appena annunciata dal Miur e confermata dal Sindaco Pogliese, non sarebbe sufficiente nemmeno per arrivare a fine anno, ma basta appena a pagare una mensilità ai dipendenti e il versamento delle imposte».
Cgil, Cisl, Uil con Flc Cgil, Cisl Università e UilRua hanno chiesto al cda dell’istituto gli atti di bilancio e di spesa, ivi compreso quello del personale, per poter quantificare il reale fabbisogno economico dell’istituto per comprendere come sostenerne la continuità didattica fino al compimento del percorso di statizzazione.
«Ma è di tutto tale percorso che al momento non c’è chiarezza – denunciano le organizzazioni sindacali – né tantomeno è servito a fugare i dubbi l’arrivo dell’inviato del Miur nei giorni scorsi. Di concreto, invece, c’è il rischio di non poter avviare l’anno accademico 2018/2019 per circa 800 studenti, che arrivano da mezza Sicilia e dalla Calabria».
«Finora i docenti e il resto del personale, compresi i 18 pulizieri, con grande senso di responsabilità hanno consentito il prosieguo delle attività didattiche – concludono Cgil, Cisl, Uil con Flc Cgil, Cisl Università e UilRua – ma se non ci saranno segnali adeguati dalle istituzioni nazionali, regionali e locali, lavoratori e studenti sono pronti a pubbliche proteste per salvare un’istituzione culturale preziosa per qualità e come punto di riferimento culturale e di crescita per tanti giovani talenti».

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci