Sicilia Report
Sicilia Report
Montalto 336×280

Sul sito del governo pubblicate le faq su ultimo Dl e Dpcm

Cliccando sulla mappa, specifica il governo, è possibile visualizzare le Faq, relative alle disposizioni settoriali delle aree

Roma, 14 mar. – Sul sito del governo sono state pubblicatele domande frequenti sulle misure adottate relative al decreto-legge del 13 marzo 2021 (n. 30) e sul dpcm del 2 marzo 2021 che hanno disposto l’applicazione le misure restrittive per il contenimento del contagio da Covid-19. Dal 15 marzo al 2 aprile 2021 e nella giornata del 6 aprile 2021 – si legge nella comunicazione del governo – in tutte le zone gialle si applicano le disposizioni previste per le zone arancioni (articolo 1, comma 1, del decreto-legge 13 marzo 2021, n. 30). Questa sezione Faq, aggiunge la comunicazione del sito della presidenza del Consiglio, è stata quindi aggiornata come previsto dal decreto-legge e riporta, per le zone gialle e arancioni, le medesime risposte. Il 3, 4 e 5 aprile 2021, su tutto il territorio nazionale (tranne che nelle zone bianche), si applicheranno le restrizioni previste per le zone rosse. Da lunedì 15 marzo 2021 in base alle Ordinanze del Ministero della Salute del 5 marzo 2021, del 12 marzo 2021, del 13 marzo 2021 e del 27 febbraio 2021, sono ricomprese: nell’area bianca: Sardegna

Nell’area gialla: Calabria, Liguria, Sicilia, Valle d’Aosta; nell’area arancione: Abruzzo, Toscana, Provincia Autonoma di Bolzano, Umbria; nell’area rossa: Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Provincia di Trento, Puglia, e Veneto.

Cliccando sulla mappa – specifica il governo – è possibile visualizzare le Faq, relative alle disposizioni settoriali delle aree (area bianca, area gialla, area arancione, area rossa). La sezione FAQ, inclusa la mappa esemplificativa, tiene conto esclusivamente delle misure introdotte da disposizioni nazionali. Le Regioni e le Province autonome possono adottare specifiche ulteriori disposizioni restrittive, di carattere locale, per conoscerele quali – conclude palazzo Chigi – è necessario fare riferimento ai canali informativi istituzionali dei singoli enti.
(Adnkronos)

I commenti sono chiusi.