Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Welfare, 24 milioni per evitare la marginalità sociale

Per l'inclusione lavorativa delle persone con disabilità, più vulnerabili e a rischio di discriminazione. Li ha stanziati la Regione Siciliana, tramite l’assessorato per le Politiche sociali, che ha definito la graduatoria relativa all'avviso 19/2018

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO – Ventiquattro milioni di euro per l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità, più vulnerabili e a rischio di discriminazione. Li ha stanziati la Regione Siciliana, tramite l’assessorato per le Politiche sociali, che ha definito la graduatoria relativa all’avviso 19/2018. Sessanta le istanze ammesse a contributo.

«Per contrastare il rischio di deriva verso la marginalità sociale – evidenzia il governatore Nello Musumeci – abbiamo voluto potenziare il sostegno a percorsi di autonomia delle persone a maggiore rischio di esclusione sociale, favorendone l’inserimento in ambienti lavorativi».

Gli interventi previsti riguarderanno cinque aree. «La prima – spiega l’assessore Antonio Scavone – interesserà le persone portatrici di handicap fisici, mentali e sensoriali, con un grado di invalidità certifica non inferiore al 66 per cento, esclusi quei soggetti per i quali sia certificata la non collocabilità al lavoro. La seconda è rivolta agli immigrati e alle persone appartenenti a minoranze etniche e beneficiari di protezione internazionale. E ancora a favore delle donne vittime di violenza, agli alcolisti (o ex), ai tossico-dipendenti (o ex), oltre ai soggetti affetti da ludopatia. Infine, la quinta ai minori e ai giovani in condizione di disagio sociale».

A presentare istanza erano chiamati: gli organismi del terzo settore, (come cooperative sociali, enti senza scopo di lucro e associazioni), le agenzie per il lavoro, le imprese, (anche attraverso le associazioni di categoria), i centri antiviolenza e gli enti di formazione ai quali è stato chiesto, nella redazione dei progetti, il coinvolgimento attivo di enti pubblici come i Comuni capofila dei Distretti socio-sanitari, le Aziende sanitarie provinciali territorialmente competenti, o i Centri di giustizia minorile che hanno istituzionalmente in carico le persone destinatarie delle attività progettuali.

«L’obiettivo – sottolinea ancora l’assessore delle Politiche sociali – è quello di creare e valorizzare vere e proprie reti che possano garantire modalità di inclusione sociale integrate, efficaci e durature, oltre a conseguire una reale integrazione delle persone a rischio di esclusione nei processi produttivi, consolidandone la presenza nel mercato del lavoro».

La graduatoria definitiva verrà trasmessa alla Corte dei conti per il necessario visto di competenza.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci