Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Centenario dello storico Istituto De Felice Giuffrida di Catania

La dirigente scolastica ha annunciato il programma delle manifestazioni del centenario, solennizzato dal un annullo filatelico

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA – Con una solenne cerimonia che s’intreccia all’open day, il glorioso Istituto “G. De Felice Giuffrida”, nel cuore di Catania, in piazza Roma, ha dato inizio ai festeggiamenti per ricordare il centenario d’istituzione
Già nel 1879 era maturata l’idea di istituire a Catania una scuola ad indirizzo commerciale e l’on. Giuseppe De Felice Giuffrida ne fu accanito sostenitore. Nel 1910 furono reperite le somme necessarie per avviare la scuola e nel 1919, come risulta da una delibera della Camera di Commercio, furono istituite la scuola commerciale e la scuola agraria (Eredia).
Le prime lezioni si svolsero presso la Camera di Commercio e nel 1925 fu acquistato il terreno di fronte al magnifico “Giardino Bellini”, accanto alla villa del Duca di Misterbianco, con alle spalle il rigoglioso Orto Botanico.
Nel 1929 fu consegnata l’attuale sede, opera dell’architetto Francesco Fichera, dall’originale pianta triangolare, sì da incastonarsi nel tessuto viario del centro storico e fu inaugurata dal Re Vittorio Emanuele III il 14 maggio del 1930.
Per l’occasione sono state esposte la penna e il calamaio e la forbice, della storica cerimonia d’inaugurazione e con la forbice usata del Re, a distanza di 89 anni, la Dirigente, ing. Anna De Francesco, ha tagliato il nastro tricolore per inaugurare la mostra fotografica documentaria di Franz Cannizzo, allestita nella splendida sala biblioteca dall’elegante boiserie, su design del Fichera.
Le foto esposte documentano il terreno incolto accanto all’orto dei Padri Domenicani, poi divenuto “Villa Bellini” e al posto dell’attuale edificio, la presenza di un deposito agricolo

La lezione sui reperti archeologici ritrovati nei terreni attorno al lago di Nicito, ha avviato il cammino degli interventi culturali che caratterizzano l’intenso programma delle celebrazioni del centenario che accompagnano l’intero anno scolastico.
La dott.ssa Maria Teresa Magro, funzionario archeologo della Soprintendenza, dopo l’intervento dell’arch. Benedetto Caruso, ha illustrato con immagini la “Selva di S. Maria di Gesù” dove sono stati rinvenuti i segni di necropoli, tombe a tumolo ( un esempio nel giardino del Barone Modica), un ipogeo (nella villa Cutore) e poi ancora Villa Carcaci, nella piazza S Maria di Gesù, con il convento dei Padri Francescani e, nella zona dell’attuale Androne, la basilica con le tombe dei primi cristiani presso la “Porta dei Martiri” come si legge nell’epigrafe che ricorda la piccola Julia nei pressi dell’Orto del Re.
Alla cerimonia d’inaugurazione sono intervenuti: il Sindaco della Città metropolitana, Salvo Pogliese; il comandante della Stazione dei Carabinieri di Piazza Verga, Luogotenente Alfio Polisano e il comandante della Polizia stradale, gli ex dirigenti: Romana Romano, Antonioni Di Raimondo, Francesco Ficicchia.
La dirigente scolastica ha annunciato il programma delle manifestazioni del centenario, solennizzato dal un annullo filatelico.
Coordinate dai professori: Roberta Addamo, Laura Calcaterra, Fanny Consoli, Gianluca Millesoli, Maria Tripoli, sono previste delle giornate che coinvolgono studenti, ex alunni – junior e senior; ex docenti e ex Dirigenti.
Con particolare solennità sarà celebrato il 160° anniversario della nascita (11 aprile 1859) del grande deputato socialista Giuseppe De Felice Giuffrida, promotore dei Fasci siciliani, pro sindaco di Catania nel 1902 e presidente del Consiglio provinciale dal 1914 fino alla morte, avvenuta cento anni fa, il 19 luglio 1920.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci