Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

#Iorestoacasa: restrizione o possibilità? Secondo le psicologhe Ines La Daga e Gabriella Conti

Le reazioni possono essere agli antipodi: c’è chi ha un tono dell’umore basso, paure, fantasie negative, poca forza, poca voglia di fare e ha una scarsa rete sociale di riferimento; c’è chi invece è iperattivo con un livello di agitazione elevato e un senso costante di allarme, che ha uno stile di vita frenetico, che necessita dell’eccesso di socializzazione per sentirsi vivo

Tempo di lettura: 2 minuti

Gli avvenimenti di questo periodo, annessi alle misure restrittive attuate per contenere il contagio da Covid-19, hanno portato un grosso cambiamento nelle nostre vite.

Dai social, dalle esperienze personali quotidiane, dal confronto con i professionisti sanitari che si trovano a gestire l’emergenza in prima persona, apprendiamo che l’emergenza non è solo medica, ma anche sociale: questo stato di isolamento forzato a cui siamo sottoposti può avere, infatti, ricadute diverse e più o meno gravi su noi stessi.

Possiamo in tal senso ipotizzare e prefigurarci due possibili scenari contrapposti: per chi riesce ad accedere al proprio bagaglio di risorse personali con efficacia, questo momento può diventare occasione per ritrovare se stessi e i propri affetti, per sperimentare un pensiero alternativo e creativo, portando ad accedere a parti del sé non conosciute; invece per chi si trova nella fragilità, nella carenza di risorse sia materiali che emotive, questa situazione espone a maggiori rischi, che con il protrarsi di tale condizione, potrebbero trasformarsi in veri e propri pericoli.

Ad esempio chi è già più vulnerabile agli stress, ha un tono dell’umore basso, paure, fantasie negative, poca forza, poca voglia di fare e ha una scarsa rete sociale di riferimento, la condizione di maggiore isolamento e lo stato di maggiore inattività potrebbe comportare un aggravamento della sua condizione, fino ad arrivare ad un vero e proprio ritiro sociale permanente o addirittura a condotte autolesive o peggio al suicidio.

Invece chi conduce una vita all’insegna dell’iperattivazione, con un livello di agitazione elevato e un senso costante di allarme, che ha uno stile di vita frenetico, che necessita dell’eccesso di socializzazione per sentirsi vivo, o chi è molto vulnerabile alle emozioni della paura e della rabbia, la sensazione che le cose non possano essere controllate o che siano cosi confuse, può portare all’amplificazione di tali sensazioni fino a generare ossessioni e/o rituali rassicuranti o possibili esplosioni e violenze.

In questi casi… cosa possiamo fare per aiutare ed aiutarci?

Magari possiamo dedicare un momento della giornata a riflettere sulle nostre sensazioni ed emozioni, mettendole per iscritto, anche senza rileggerle, solo per tirarle fuori e riordinarle; cercare contatti sociali, tramite le vie di comunicazione alternative, anche ritrovando persone con cui si sono persi i contatti. E ancora, possiamo provare a filtrare le informazioni provenienti dall’esterno, soffermandoci solo su fonti ufficiali e limitare anche il tempo nella giornata in cui ci dedichiamo a ciò, organizzarci la giornata in modo da impegnarci concretamente in attività pratiche o anche nutrirci delle piccole cose che la nostra casa e la nostra persona ci permette di sperimentare.

Tante parole per dire cosa? Che noi tutti, se facciamo rete, se investiamo il nostro tempo nelle relazioni (anche se a distanza), se ci soffermiamo su come ci sentiamo e cerchiamo anche dentro di noi quelle risorse che non avevamo più utilizzato, riscoprendole e riscoprendoci, potremo superare questo periodo, uscendone trasformati e anche positivamente.

 

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci