Sicilia Report
Sicilia Report
Montalto 336×280
©Riproduzione Riservata

Le Chiese di Catania: Basilica Maria Santissima dell’Elemosina ovvero “La Collegiata”

Passeggiando nella nostra città alla ricerca di particolari storici delle chiese barocche che verranno approfonditi nel nostro nuovo magazine “Le culture”

La Basilica della Collegiata si trova in via Etnea nelle adiacenze di piazza Università. È stata costruita su un antico tempio pagano dedicato a Proserpina. Nei primi secoli cristiani si costruì nello stesso sito, una piccola chiesa dedicata alla Vergine Maria che in epoca bizantina fu poi dedicata al culto della sacra icona di Maria Santissima dell’Elemosina. Nel tempo la piccola chiesa fu frequentata dalla famiglia reale degli Aragonesi e per questo ebbe il titolo di “Regia Cappella”, scolpito in maniera visibile sulla facciata. Successivamente il Papa Eugenio IV costituì un Collegio dei Canonici, da cui deriva il nome attuale di “Collegiata”.
La “nostra” foto di copertina, che può essere ingrandita, ci racconta dei particolari che potrete seguire agevolmente per saperne un po’ di più sulla ricchezza della nostra storia.
Nel 1693 la Basilica della Collegiata, a causa del devastante terremoto, venne ricostruita dall’architetto Antonio Amato. Ma il progetto della facciata fu ad opera di Stefano Ittar, che troveremo come geniale architetto di altre chiese catanesi, che ci racconta la morbidezza di un’armonica sinfonia come se fosse un organo a canne, ed è su due ordini, che sarebbe su due “piani” di costruzione. Procedendo dal basso: nel primo ordine ci sono sei colonne in pietra; nel secondo ordine ai lati delle grandi volute come raccordo sono collocate le statue raffiguranti Sant’Agata e Santa Apollonia. La loggia centrale è definita da profonde nicchie che ospitano le statue di San Pietro e San Paolo. La calotta della loggia è sormontata da balaustra (balcone) e da una cella campanaria centrale decorata da un’aquila con stemma coronato, probabilmente residui dell’imperatore Carlo V, ma questa è un’altra storia, angeli musicanti, putti osannanti e un globo crucigero. Il globo crucigero rappresenta il potere regale o imperiale come un potere cristiano, cioè che riconosce la supremazia di Cristo (rappresentato dalla croce) sul mondo e sui poteri terreni (la sfera).
Una curiosità: Santa Apollonia di Alessandria, santa poco “frequentata” dai catanesi, è una martire cristiana a cui sono stati cavati i denti, per questo si presenta con una tenaglia ed è la patrona dei dentisti, igienisti dentali e odontotecnici. Viene festeggiata il 9 febbraio. Si trova alla destra della nostra foto di copertina.
Se ne volete sapere di più aspettate l’uscita degli approfondimenti sul nostro nuovo magazine “Le culture”.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: