Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Studio della SIAATIP su coronavirus e bambini, c’è anche il contributo della Pediatria di Caltagirone

Il documento, il cui primo autore è il dr. Roberto Giugno, direttore dell’UOC di Pediatria dell’Ospedale “Gravina”, vede la collaborazione di un gruppo di studiosi e esperti a livello nazionale. I dati della letteratura evidenziano che l’infezione da Sars-Cov2 ha una minore gravità nei bambini, i quali si infettano come gli adulti, ma presentano una sintomatologia meno grave

Tempo di lettura: 2 minuti

CALTAGIRONE (CT) – “Sars-Cov2 in età pediatrica” è il titolo del documento della SIAATIP (Società Italiana di Anestesia, Analgesia e Terapia Intensiva Pediatrica), recentemente pubblicato nella sezione “Buone Pratiche Cliniche, destinato a tutti gli operatori sanitari coinvolti nella gestione del paziente pediatrico e collaborante con gli anestesisti rianimatori.

Il documento, il cui primo autore è il dr. Roberto Giugno, direttore dell’UOC di Pediatria dell’Ospedale “Gravina”, vede la collaborazione di un gruppo di studiosi e esperti a livello nazionale:
dr. Dario Galante, direttore UOC di Anestesia e Rianimazione, Ospedale di Cerignola e San Severo ASL Foggia – presidente SIAATIP;
dr. Giovanni Consani, UOC di Anestesia e Rianimazione, Azienda Ospedaliero Universitaria di Pisa;
dr. Alberto Benigni, USSD Anestesia e Rianimazione 5^ Pediatrica, ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo;
dr. Flavio Badii, UOC di Anestesia e Rianimazione, Ospedale di Vittorio Veneto;
dr. Dino Pedrotti, UOC di Anestesia e Rianimazione, Ospedale S. Chiara di Trento;
dr. Rosanna Zanai, UO Terapia Intensiva Cardiochirurgica, CCPM Centro Cardiologico Pediatrico del Mediterraneo, Taormina.
«Nel documento – spiega il dr. Giugno – si parte da un’analisi generale dell’infezione da Sars-Cov2 in età pediatrica, per poi concentrarsi su un possibile meccanismo di

Dr. Giugno

infezione che ne spieghi la diversa espressività in età pediatrica, nelle donne e nella popolazione in generale. Ringrazio il dr. Galante per aver colto l’intuizione di questo studio e per la scelta di condividerlo con la comunità scientifica che guida».
I dati della letteratura evidenziano che l’infezione da Sars-Cov2 ha una minore gravità nei bambini, i quali si infettano come gli adulti, ma presentano una sintomatologia meno grave.
«Noi non conosciamo le motivazioni del perché ciò avvenga – continua il dr. Giugno -, né dei suoi meccanismi. Nel documento si esamina il ruolo e le motivazioni della scarsa incidenza della malattia in età pediatrica, e si approfondisce un aspetto del probabile meccanismo di infezione del virus, che riguarda il ruolo del recettore ACE2, dei suoi livelli di espressione, differenziazione e polimorfismo, con cui si potrebbe spiegare la minore incidenza della malattia in età pediatrica».

Presentazione dello studio in allegato
SARS

Asp Catania Direzione strategica

 

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci