10.1 C
Catania
martedì, Marzo 5, 2024
spot_imgspot_img
HomeRicercaStudio della SIAATIP su coronavirus e bambini, c’è anche il contributo della...

Studio della SIAATIP su coronavirus e bambini, c’è anche il contributo della Pediatria di Caltagirone

CALTAGIRONE (CT) – “Sars-Cov2 in età pediatrica” è il titolo del documento della SIAATIP (Società Italiana di Anestesia, Analgesia e Terapia Intensiva Pediatrica), recentemente pubblicato nella sezione “Buone Pratiche Cliniche, destinato a tutti gli operatori sanitari coinvolti nella gestione del paziente pediatrico e collaborante con gli anestesisti rianimatori.

Pubblicità

Il documento, il cui primo autore è il dr. Roberto Giugno, direttore dell’UOC di Pediatria dell’Ospedale “Gravina”, vede la collaborazione di un gruppo di studiosi e esperti a livello nazionale:
dr. Dario Galante, direttore UOC di Anestesia e Rianimazione, Ospedale di Cerignola e San Severo ASL Foggia – presidente SIAATIP;
dr. Giovanni Consani, UOC di Anestesia e Rianimazione, Azienda Ospedaliero Universitaria di Pisa;
dr. Alberto Benigni, USSD Anestesia e Rianimazione 5^ Pediatrica, ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo;
dr. Flavio Badii, UOC di Anestesia e Rianimazione, Ospedale di Vittorio Veneto;
dr. Dino Pedrotti, UOC di Anestesia e Rianimazione, Ospedale S. Chiara di Trento;
dr. Rosanna Zanai, UO Terapia Intensiva Cardiochirurgica, CCPM Centro Cardiologico Pediatrico del Mediterraneo, Taormina.
«Nel documento – spiega il dr. Giugno – si parte da un’analisi generale dell’infezione da Sars-Cov2 in età pediatrica, per poi concentrarsi su un possibile meccanismo di

infezione che ne spieghi la diversa espressività in età pediatrica, nelle donne e nella popolazione in generale. Ringrazio il dr. Galante per aver colto l’intuizione di questo studio e per la scelta di condividerlo con la comunità scientifica che guida».
I dati della letteratura evidenziano che l’infezione da Sars-Cov2 ha una minore gravità nei bambini, i quali si infettano come gli adulti, ma presentano una sintomatologia meno grave.
«Noi non conosciamo le motivazioni del perché ciò avvenga – continua il dr. Giugno -, né dei suoi meccanismi. Nel documento si esamina il ruolo e le motivazioni della scarsa incidenza della malattia in età pediatrica, e si approfondisce un aspetto del probabile meccanismo di infezione del virus, che riguarda il ruolo del recettore ACE2, dei suoi livelli di espressione, differenziazione e polimorfismo, con cui si potrebbe spiegare la minore incidenza della malattia in età pediatrica».

Presentazione dello studio in allegato
SARS

 

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Redazione CT
Redazione CThttps://www.siciliareport.it
Redazione di Catania Sede principale
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli