spot_imgspot_img
HomeRegioneRiqualificazione urbana: appalto da 1,4 mln per recuperare l'area nord-est di Barrafranca

Riqualificazione urbana: appalto da 1,4 mln per recuperare l’area nord-est di Barrafranca

Sono stati appaltati per un 1,4 milioni di euro i lavori di consolidamento e riqualificazione urbana della zona nord-est di Barrafranca, comune dell'Ennese.

Sono stati appaltati per un 1,4 milioni di euro i lavori di consolidamento e riqualificazione urbana della zona nord-est di Barrafranca, comune dell’Ennese. L’Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e diretto da Maurizio Croce, ha così completato l’iter per mettere la parola fine a una situazione di pericolo, ma anche di forte degrado ambientale, che si trascinava da tantissimi anni. Ad effettuare i lavori sarà l’impresa Co.Ger. di Mussomeli che si è aggiudicata la gara grazie a un ribasso di poco superiore al 31 per cento.

Pubblicità

«Erano condizioni inaccettabili per un contesto urbano – afferma il governatore – tengo a sottolineare la fattiva collaborazione con la Commissione straordinaria che amministra il paese, al quale adesso verrà finalmente restituito uno spazio vivibile, con una nuova identità».

L’obiettivo, infatti, è realizzare un’area verde con percorsi pedonali lì dove il completo abbandono e una serie di movimenti franosi, già arginati nel 1996 dal Genio civile, con un intervento d’urgenza che nel tempo ha esaurito parte della sua efficacia, avevano creato a tutti gli effetti una zona off-limits.

Si tratta di un’area di quattromila metri quadrati, delimitata da tre arterie tra le più trafficate del circuito urbano: viale Signore Ritrovato, via Angelo Musco e via Antonello da Messina. I continui smottamenti del terreno, che presenta pendenze rilevanti, potrebbero ben presto diventare una seria minaccia per le abitazioni che si trovano lungo il perimetro della zona da bonificare.

Per contenerli dovranno quindi essere realizzate alcune gabbionate: il progetto prevede che vengano disposte su tre file per assicurare piena stabilità al suolo, mentre per mettere in sicurezza gli edifici si ricorrerà a muri e paratie.

 

La regimentazione delle acque, fondamentale per porre fine agli effetti destabilizzanti di nuove infiltrazioni, sarà attuata attraverso opere di drenaggio e di rinverdimento delle scarpate, a beneficio anche del cosiddetto impatto paesaggistico.

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Redazione CT
Redazione CThttps://www.siciliareport.it
Redazione di Catania Sede principale
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli