Sicilia Report
Direttore Paolo Zerbo
Montalto 336×280

La Civita e le “sentinelle ambientali” per contrastare le micro discariche e sensibilizzare i residenti

Il Comune di Catania e Dusty coordinano Legambiente Catania, Plastic Free Sicilia Onlus e Zero Rifiuti

CATANIA – Contrastare il proliferare di micro-discariche sensibilizzando gli utenti nei quartieri dove risiedono – proprio nel momento in cui si attua il radicale passaggio dal sistema di raccolta di prossimità attraverso i contenitori stradali al metodo di raccolta differenziata porta a porta -, è
l’azione strategica determinante per poter supportare gli utenti nel primo
periodo di transizione.

Da sabato 8 maggio prenderà avvio il progetto di sensibilizzazione per i residenti del quartiere Civita che vedrà la collaborazione delle associazioni ambientaliste Legambiente Catania, Plastic Free Sicilia Onlus e Zero Rifiuti Sicilia, coordinate dal Comune e da Dusty.
I volontari presidieranno i punti critici del quartiere dove si creano maggiormente le micro-discariche a cielo aperto, specie da quando sono stati eliminati i contenitori di prossimità in seguito all’avvio del sistema di ritiro porta a porta, sebbene sia stata completata la consegna dei kit per
la differenziata.
Nel quartiere Civita sono state individuate quattro aree. Le vie Perrone, Colapesce, Giovanni di Prima angolo Via Ventimiglia e Piazza Duca di Genova saranno custodite dalle “Sentinelle ambientali” che sensibilizzeranno i residenti del quartiere, spiegando loro l’importanza di conferire nel modo corretto, seguendo le modalità e gli orari di esposizione e i benefici che derivano per tutti, solo se saranno osservate le regole del senso comune e del rispetto dell’ambiente che si traduce nell’abbattimento dei costi dei conferimenti in discarica.

I volontari forniranno anche il calendario settimanale della raccolta differenziata e il nuovo Dizionario dei rifiuti, entrambi realizzati da Dusty, che contiene al suo interno oltre 650 vocaboli, indicati in ordine alfabetico inclusi gli oggetti che iniziano con le lettere straniere quali
j, k, w, x, y, e la relativa spiegazione di come separarli, per un totale di 36 pagine.

Con l’hashtag social #partecipa al cambiamento, Dusty vuole coinvolgere i residenti dello storico quartiere perché solo attraverso un’azione di sensibilizzazione e informazione, si può cambiare il corso della storia che stiamo vivendo.

Le tre associazioni ambientaliste attive a Catania, operando in sinergia con il Comune e Dusty, cercheranno di richiamare la partecipazione della comunità locale, come strumento di sviluppo
sostenibile.

I commenti sono chiusi.