Sicilia Report
Direttore Paolo Zerbo
Montalto 336×280
Valle dei Templi - Foto archivio

Agrigento
“Progetto Demetra”: per la tutela della biodiversità nella Valle dei Templi

AGRIGENTO – Il Parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento si fa parte attiva nella conservazione della biodiversità del proprio territorio e, attraverso il ‘Progetto Demetra’, realizzerà un pacchetto di interventi e azioni per la salvaguardia e la conservazione della diversità delle risorse genetiche vegetali in agricoltura. Il progetto, che ha finalità scientifica, divulgativa e didattica è stato finanziato dall’assessorato regionale dell’Agricoltura con due misure del Psr Sicilia 2014/2020. In particolare 149.239 euro serviranno per interventi e investimenti nella conservazione delle risorse genetiche vegetali in agricoltura e 247.374 euro per il mantenimento della conservazione della biodiversità e delle risorse genetiche. Il Parco della Valle dei Templi, che ha un alto valore anche dal punto di vista paesaggistico, si snoda su un territorio molto ampio nel quale insistono aree molto interessanti sotto il profilo della biodiversità in agricoltura. Il progetto Demetra, oltre a garantire il mantenimento delle condizioni di tenuta del territorio, offrirà nuove opportunità per la valorizzazione scientifica, divulgativa e didattica.

Bottone 980×300

“La valorizzazione del potenziale biologico ai fini della conservazione e tutela delle risorse naturali – spiega l’assessore regionale del Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – è un modo innovativo e interessante per coniugare arte, paesaggio e territorio. Il progetto Demetra, consente di operareuna doppia azione in coerenza con le linee guida sulla sostenibilità ambientale: mantenere le caratteristiche genetiche e la biodiversità dei luoghi e ampliare l’offerta esperienziale della Valle dei Templi ai visitatori, offrendo nuove opportunità anche a studenti e ricercatori”. “Preservare le colture autoctone – aggiunge l’assessore regionale all’Agricoltura Toni Scilla – è la modalità giusta per custodire cultura, tradizione, storia di un territorio e di un popolo. Tutto questo oltre ad essere un dovere nei confronti delle nuove generazioni è anche fattore di crescente interesse scientifico, enogastronomico e turistico”.

Obiettivo del progetto è quello di concorrere direttamente alla tutela dell’agro-biodiversità attraverso la conservazione del patrimonio genetico vegetale in una sorta di banca vivente di germoplasma per i progetti di miglioramento genetico. “Un ulteriore, importante, obiettivo del progetto – precisa il direttore del Parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi, Roberto Sciarratta – è quello di approfondire gli aspetti vegetazionali in senso ‘archeo-botanico’ attraverso indagini e studi di tipo stratigrafico e ‘palinologico (ovvero in relazione a pollini e spore ndr) per acquisire e utilizzare informazioni e dati sulla qualità e varietà delle specie e delle popolazioni agrarie coltivate nelle epoche precedenti al fine di trarne utili indicazioni per le finalità di scambio culturale con altre realtà europee di eccellenza e per scopi di promozione territoriale”.
(Adnkronos)

I commenti sono chiusi.