13.6 C
Catania
sabato, Dicembre 9, 2023
spot_imgspot_img
HomeLavoroManovra, De Lise (Commercialisti): "Serve taglio cuneo fiscale per assunzioni nuovi dipendenti...

Manovra, De Lise (Commercialisti): “Serve taglio cuneo fiscale per assunzioni nuovi dipendenti e sostegno a imprese”

Pubblicità

(Adnkronos) – “Ormai è chiaro che, escludendo il Pnrr, c’è poca finanza a disposizione. Per questo, servono interventi mirati che possano permettere alle imprese di investire in tecnologia. E poi immaginiamo una riduzione del cuneo fiscale per le assunzioni di nuovi lavoratori dipendenti”.Così, con Adnkronos/Labitalia, Matteo De Lise, presidente dell’Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili (Ungdcec), sulla prossima manovra economica del governo. Ungdcec che a Genova dal 28 al 30 settembre prossimi dedicherà un convegno nazionale al tema ‘I giovani commercialisti futuri protagonisti della sostenibilità’.  

E secondo De Lise nella prossima manovra del governo ci si aspetta “lo spazio necessario per dare alle imprese la possibilità di tornare rapidamente competitive. Aziende e cittadini (insieme ai commercialisti che li assistono) hanno bisogno di emergere da questi anni di sacrifici e difficoltà e tornare a una condizione favorevole, che tra l’altro sarebbe utile a sostenere il fisco e l’economia italiana. Altrimenti si rischia anche di avere un gettito sempre minore”.  

E’ urgente quindi sostenere le imprese, secondo De Lise, perchè “sicuramente la salute delle imprese italiane non è la migliore possibile, ci troviamo in un momento anche storico in cui si iniziano a percepire ristrettezza economica, scarsa liquidità che va a incidere nelle imprese per quanto riguarda la capacità di sostenere investimenti e sviluppo; e scarsa liquidità anche nelle tasche dei contribuenti italiani. Questo porta, anche considerando l’inflazione, a un drastico calo dei consumi. Occorre investire per invertire questa tendenza che potrebbe rivelarsi pericolosa per il sistema Paese”, ribadisce.  

Sul fisco, ribadisce, “ci aspettiamo una maggiore semplificazione. L’ultimo episodio relativo alla lettera di compliance sul quadro RS dei regimi forfettari va in senso contrario rispetto a quanto fin qui promesso. Auspichiamo che anche nella bozza della manovra vengano proposte norme che mirino alla semplificazione”, sottolinea.  

E per quanto riguarda la Rottamazione quater “di certo non è la soluzione ai debiti incagliati per contribuenti e Stato. Serve una misura più forte e organica, in quanto tantissimi debiti sono nati successivamente al 2020: presto ci troveremo lo scoglio al 31 ottobre del versamento del 20% di tutto il debito rottamato, che comprende anche quelli più recenti e potrebbe essere difficile da superare”. 

“Distribuire i pagamenti lungo un arco temporale più ampio e adeguato, potrebbe essere -spiega- una prima soluzione. Ricordo che, secondo i dati dell’Agenzia delle Entrate, per la rottamazione delle cartelle avviate tra il 2016 e il 2018, gli incassi sono stati di 19,9 miliardi di euro rispetto ai 53,9 ipotizzati. Tra l’altro, le imprese vivono un periodo storico di grande incertezza, con un livello di rischio creditizio medio-alto per quasi un’impresa su due, secondo le ultime indagini”, aggiunge. 

“Significa che servono riforme organiche anche in materia di riscossione e non provvedimenti spot che, come strutturati nel recente passato, non hanno interessato la maggioranza dei contribuenti o non erano utilizzabili da chi realmente era interessato”, rimarca. 

E arrivando al tema del prossimo convegno dei giovani commercialisti a Genova De Lise spiega che “riteniamo che i giovani commercialisti possano avere un ruolo determinante rispetto a quelle che sono tutte le nuove competenze. Riteniamo ad esempio che il bilancio di sostenibilità debba diventare un’esclusiva dei dottori commercialisti, insieme ad altri aspetti, in primis le certificazioni e la contabilizzazione dei beni intangibili. Sono tutti aspetti sui quali i giovani commercialisti devono specializzarsi per fornire valore aggiunto alle imprese”, sottolinea.  

In conclusione, per De Lise, “le imprese italiane sono molto, molto in ritardo rispetto al tema della sostenibilità. Ma se al Nord la sostenibilità è un ambito sul quale si sta cominciando a insistere, nelle aziende del Centro-Sud questo tema è ancora lontano dall’essere una delle priorità degli investitori, degli imprenditori e anche dei commercialisti stessi. Sono presenti eccellenze, ma ancora in numero minimo. Quello che vorremmo fare nel corso del prossimo Convegno nazionale di Genova è dimostrare al tessuto economico italiano come vi sia un’urgenza in tal senso”. 

 

 

 




Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

La vignetta di SR.it

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli