Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

Tour alla Collina Magica di Paternò

10

Il recente ritrovamento della lamina con caratteri greci sulla collina di San Marco a Paternò conferma ancora una volta come la collina di Paternò fosse stato un sito importante della Magna Grecia. Il prof. Carmine Rapisarda nel suo saggio Inessa Aitna e il Tempio di Efesto ha ipotizzato che Paternò fosse l’antica Inessa Aitna, nomi indissolubilmente legati al termine Ignis e Aitna ovvero al fuoco. I vulcanetti tuttora esistenti e i geiser estinti nel XVII secolo hanno reso la collina un luogo magico e strettamente legato a culti ctoni quali quello di Efesto.

Il tempio di Vulcano , così come quello di Adrano, era circondato da cani cirnechi , che avevano sia funzione di protezione dei luoghi sacri ma fungevano anche da psicopompo, ed è stato ampiamente descritto da Claudio Eliano ne La Natura degli Animali. Il prof Rapisarda Carmine ha localizzato il tempio, ancora in perfetto stato di conservazione sulla collina storica e presenta le caratteristiche di un tempio Oikos , perfettamente orientato est-ovest con cella m 5 x 5 e pronao m 5 x 3 rispetta la proporzione aurea m 8 x 5 , è privo di colonne esterne che dovevano essere sostituite da alberi ed è un tempio ipetro cioè senza copertura, i muri spessi cm 70 sono in pietra lavica e presentano sul lato ovest un foro che collegava l’opistrodomo cioè l’ara sacrificale costituito da un lastrone lavico. Il tempio si trova , così come tutti i templi dedicati al dio Vulcano, fuori dalla cinta muraria localizzata nella zona detta Cala Cala.

per prenotazioni e informazioni telefonate al 3207115715

 

 

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci