Sicilia Report
Sicilia Report
Montalto 336×280

La Philadelphia Boys Choir and Chorale canta per WonderTime

Domenica 21 luglio, alle 21, nella Chiesa della Badia, in via Vittorio Emanuele 182, con la direzione artistica di Giovanni Cultrera

CATANIA – Dall’America a Catania, arriva la “Philadelphia Boys Choir and Chorale” che sarà ospite di WonderTime, la rassegna internazionale di arte diffusa, con un concerto che si terrà domenica 21 luglio, alle 21, nella Chiesa della Badia, in via Vittorio Emanuele 182, con la direzione artistica di Giovanni Cultrera.
Rinomati per la loro musicalità, intelligenza e capacità interpretative, la Philadelphia Boys Choir, vincitrice di un Emmy e nominata per i Grammy, ha raggiunto un grande successo in tutto il mondo per i loro acclamati concerti e spettacoli.

Fondata nel 1968 e sotto la direzione di Jeffrey R. Smith dal 2004, è stata ribattezzata come “Ambasciatrice della canzone d’America”, e rappresenta con orgoglio sia la città di Filadelfia che gli Stati Uniti nei tour internazionali.
Cento bambini, giovani promesse della musica internazionale, che porteranno ai piedi dell’Etna un pezzo d’America, tra note, sorrisi, toni squillanti e allegria, tutto all’insegna dell’amore per la musica.
“Siamo stati due volte in Italia – spiega il maestro Jeffrey – ma mai in questa bellissima terra. Non vediamo l’ora di poter visitare Catania, vedere le sue bellezze architettoniche e poi mangiare la pasta alla norma e tutte le vostre prelibatezza culinarie, famose in tutto il mondo. Naturalmente siamo onorati di poterci esibire all’interno di WonderTime – conclude – in una chiesa così ricca di storia e cultura, come la Badia, di cui abbiamo visto alcune foto e siamo rimasti tutti, estasiati. Siamo sicuri che i nostri ragazzi faranno tesoro di questa indimenticabile esperienza”.
Per il pubblico di Catania il “Philadelphia Boys Choir and Chorale” eseguirà un repertorio variegato che spazierà dai brani classici come “Amazing Grace” di David T. Clydesdale, “America, the Beautiful” di Samuel A. Ward a quelli di musica sacra come “All Creatures of Our God and King”di Robert Shaw e Robert Hamilton, l’”Ave Maria“ di J.S. Bach e di Charles Gounod, per concludere con i popolari “Bohemian Rhapsody” di Freddie Mercury, “Let Me Fall” di Jim Corcoran, Benoit Jutras e “Walkin’to School” di Robert S. Cohen. Gran parte degli arrangiamenti sono curati dal maestro Jeffrey R. Smith.
Coordinatore e consulente artistico per la tournèe italiana del coro il maestro Antonio Giovanni Bono

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: