Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Gammazita: presentazione libro “Alfio Antico. Il Dio Tamburo” a Piazza dei Libri

L'appuntamento con l'autore e il musicista, moderato dal giornalista Gianni Nicola Caracoglia è fissato per mercoledì 26 agosto, alle ore 19.00, in Piazza dei libri, la biblioteca urbana a cielo aperto ai piedi del Castello Ursino.

La musica ancestrale di Alfio Antico, tra i maggiori interpreti mondiali della tammorra e del tamburo a cornice, raccontata dalla penna del giornalista siracusano Giuseppe Attardi in “Alfio Antico. Il Dio Tamburo – Storia di un pastore entrato nell’Olimpo della musica”, Arcana Edizioni. L’appuntamento con l’autore e il musicista, moderato dal giornalista Gianni Nicola Caracoglia è fissato per mercoledì 26 agosto, alle ore 19.00, in Piazza dei libri, la biblioteca urbana a cielo aperto ai piedi del Castello Ursino.
Alfio Antico è erede autentico e diretto della tradizione musicale popolare siciliana, universalmente riconosciuto come uno dei tamburellisti contemporanei che più ha rivoluzionato la tecnica della tammorra. Nel suo continuo lavoro di ricerca è riuscito a fondere i suoni tribali della nostra terra con l’elettronica, diventando uno dei maggiori protagonisti della world music internazionale. Che sia il dio del tamburo è riconosciuto da tutti, ma pochi conoscono la sua storia e il suo passato trascorso nella solitudine della natura selvaggia, una storia che somiglia tanto alle fiabe che ci raccontavano da bambini e che adesso il prezioso lavoro di ricerca del giornalista siracusano Giuseppe Attardi ha fatto venire alla luce nel libro di recentissima pubblicazione “Alfio Antico – Il dio del tamburo. Storia di un pastore entrato nell’Olimpo della musica”.

Con maestria e delicatezza Attardi racconta come un pastore siciliano sia diventato un musicista di fama internazionale, permettendoci di avventurarci nel mondo ancestrale dell’artista, per conoscere le vicissitudini di chi non si è arreso alla solitudine e a quel poco che la vita aveva da offrirgli, trasformando la sua passione, il suo gioco di bambino, in un capolavoro di arte e talento. Ci consegna un libro che non è un romanzo, né una favola. Non è una biografia, nemmeno un’autobiografia. È, forse, tutte e quattro queste cose, o semplicemente una storia. Quella di Alfio Antico, “u picuraro” diventato il dio del tamburo. 

«Alfio Antico è un patrimonio dell’umanità, dovrebbe essere riconosciuto dall’Unesco», diceva Carmen Consoli. Perché il musicista lentinese non è un semplice ricercatore, né soltanto l’ultimo aedo di una cultura popolare. Alfio Antico è la “radica” di una cultura ancestrale. È anche il ta-ta-boum del Don Raffaè di Fabrizio De André. La sua vita sembra un romanzo di Verga, ma al contrario dei personaggi dello scrittore di Vizzini, Alfio non è un vinto. Un’infanzia povera, dura, di un ragazzo costretto a crescere in fretta per dare una mano alla famiglia a causa di un padre malato. L’asprezza di un’adolescenza solitaria, trascorsa sulle montagne, ad ascoltare il vento, il suono della pioggia o delle campane del suo gregge. Per rifugiarsi nello scialle della nonna che con il suo magico tamburello scacciava i mostri della solitudine e della paura. Quei tamburi sarebbero diventati i suoi burattini perché Alfio Antico è il mastro Geppetto della world music. I suoi strumenti parlano. Dalle transumanze sui monti ai grandi teatri con Maurizio Scaparro e Peppe Barra; dall’Olimpo della musica con Eugenio Bennato, De André, Dalla, Branduardi, Arbore, Capossela, Carmen Consoli, Colapesce, Cesare Basile, sino alla cucina dello chef Carmelo Chiaramonte e al cinema di Pasquale Scimeca.

La presentazione in Piazza dei Libri è a partecipazione gratuita del pubblico. Per adeguamento alle normative anti-covid è necessaria la prenotazione via email all’indirizzo gammazitainfo@gmail.com. Inoltre per garantire il rispetto delle norme vigenti tutti i partecipanti sono pregati di venire muniti dei dispositivi di sicurezza individuale e di rispettare la distanza di sicurezza interpersonale.
Evento dedicato: https://www.facebook.com/events/2515576288733319/
Indirizzo: Piazza Federico di Svevia 92 – 93, 95121, Catania, Piazza dei Libri.

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci