Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

Il dieci dicembre la XVII edizione del Domenico Danzuso

4

CATANIA – Roberto Andò, regista teatrale e cinematografico che non ha certo bisogno di presentazioni, riceverà dalle mani di Lina Polizzi Danzuso, moglie del critico scomparso, il premio alla Carriera 2018 intitolato a Domenico Danzuso durante la cerimonia di consegna che si svolgerà nel foyer del Teatro Massimo Bellini di Catania a partire dalle 18 di lunedì dieci dicembre.

Ma la serata, condotta da Marina Cosentino, prevede un prestigioso gruppo di premiati: per la prosa un interprete del calibro di Sebastiano Lo Monaco e l’attrice Graziana Maniscalco, il NeonTeatro e il critico Totò Rizzo, per la musica la pianista Ketty Teriaca e la mezzosoprano Sonia Fortunato. Due speciali riconoscimenti andranno poi a Peppino Ortoleva per l’attività innovativa e pionieristica svolta nella comunicazione culturale, e a Virgilio Piccari per quanto fatto per Catania da direttore dell’Accademia di Belle arti. Due premi alla memoria, infine, andranno a quel grande attore e regista che fu Gilberto Idonea e allo studioso di cinema Sebastiano Gesù.

Nel corso della serata uno studente meritevole dell’Accademia di Belle Arti – istituzione che ha realizzato, con quello straordinario grafico che è Gianni Latino, il marchio del Premio Domenico Danzuso e con lo scultore Pierluigi Portale i premi – riceverà una Borsa di studio del Lions Club Catania Host.

Dallo scorso anno il Premio Domenico Danzuso, nato da un’idea di Tony Maugeri e con il coordinamento organizzativo di Vittoria Napoli, si è ancor di più aperto alle istituzioni culturali e ha visto crescere il numero degli enti promotori: Scam, Accademia, Lions, Teatro Stabile, Massimo Bellini, Brancati, Istituto di Storia dello Spettacolo Siciliano, Fondazione Domenico Sanfilippo, Istituto musicale Vincenzo Bellini, Soroptimist e Fondazione Marilù Tregua. Ma anche gli sponsor tecnici: Asmundo di Gisira art market living boutique e Vision Sicily.

 

L’ALBO D’ORO

Nell’albo d’oro del Premio Danzuso, solo per citarne alcuni,personaggi-simbolo del mondo dello spettacolo e della cultura, da Pippo Baudo ad Andrea Camilleri, interpreti prestigiosi della prosa e del cinema, da Gabriele Lavia a Mariano Rigillo, da Lucia Poli ad Anna Foglietta, ai grandi interpreti della nostra tradizione, da Leo Gullotta a Pippo Pattavina, da Tuccio Musumeci al compianto Marcello Perracchio, da Guia Jelo ad Alessandra Costanzo, da Gino Astorina a Barbara Giordano, per finire con Luigi Lo Cascio, Donatella Finocchiaro, Barbara Tabita e David Coco. E poi scenografi come Roberto Laganà e Angela Gallaro.Nomi altisonanti anche in campo musicale: i pianistiFrancesco Nicolosi e Giovanni Cultrera, ma anche Nino Lombardo, il violoncellista Wladimir Pavlov, il violinista Vito Imperato, il tenore Fabio Armiliato, i bassi Simone Alaimo e Carlo Colombara, il soprano Donata D’Annunzio Lombardi. E ancora personaggi del mondo della cultura come i critici Italo Moscati, Emilia Costantini.

 

DOMENICO DANZUSO

Critico drammatico, vincitore del premio Flaiano, del Randone e della Lente d’oro, autore di innumerevoli articoli pubblicati sul quotidiano “La Sicilia” e importanti riviste del settore (“Sipario”, “Prima Fila”, “Hystrio”), Danzuso ha firmato con Giovanni Idonea alcuni tra i più importanti contributi sulla storia teatrale etnea. È stato anche docente di Storia dello spettacolo dell’Accademia di Belle Arti, consigliere d’Amministrazione dell’Istituto Bellini, proboviro dell’Assostampa, socio del Lions e della Scam.

 

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci