Cappellani spiega la Sicilia agli eschimesi per Slang/linguaggi #4

di
Al MA di Catania, il quarto appuntamento dello spazio dedicato ai nuovi linguaggi della musica, dell’arte, della cultura e del cibo

CATANIA – Giovedì 11 aprile, dalle 20 in poi, alla Birreria del MA di Catania, il club di via Vela da 14 anni palco-scenico privilegiato per la musica e per la variegate arti dell’intrattenimento e della cultura, il quarto appuntamento di Slang/linguaggi, spazio dedicato ai nuovi linguaggi della musica, dell’arte, della cultura, del cibo realizzato dal MA in sinergia con Scenahiphopsiciliana, Matrioska live & clubbing, Zona Kaos e Wawy Agency.
Due le anime della serata. Una letterario-teatrale con la stand up comedy di Ottavio Cappellani che ripropone il suo “La Sicilia spiegata agli eschimesi. E a tutti gli altri”, testo nato per la scena e recente-mente diventato un libro edito da Sem. «Perché spiegare la Sicilia agli eschimesi? – afferma lo scritto-re-attore Cappellani – semplicemente perché è impossibile spiegarla ai siciliani e agli italiani”. Questa la tesi dell’autore, una simpaticissima stand up comedy, che descriverà la Sicilia senza filtri, senza convenzioni e, soprattutto, lontana dai luoghi comuni, raccontando della sicilianità, e le splendide cornici, passando dal barocco al Gran Tour di Goethe, dagli agriturismi a Sant’Agata, il tutto rappresentato con ironia e verve satirica da Ottavio Cappellani.
Il lato musicale della serata parte con i dj set di Feminine, Ramona e Tommyboy, seguito dallo spot-preview di Moro Festival con i dj set di Mirko Fanciullo e Godzilla. Sempre in ambito artistico la Ex-po Slang permanente vive delle opere di Claudio Arezzo di Trifiletti, Davide Aricò, D_make e Ljubiza Mezzatesta. Tattoo Corner a cura di Zona Kaos.