Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Video ricetta sulle Fajitas del cuoco amaprofessionale Giovanni Reale

Realizziamo una magnifica ricetta sudamericana ispirato da mia moglie Regla di origine cubana, un viaggio a Trinidad e una fetta di carne rimasta in frigo

Tempo di lettura: 2 minuti

Partendo dal principio che nella cucina nulla si butta, oggi ho voluto preparare le Fajitas con della carne rimasta in frigo. Ma voi direte che non a tutti vedendo una fetta di carne viene in mente di preparare le Fajitas: infatti è stata l’ispirazione di mia moglie la señora Regla De Las Mercedes Bravo Meireles, di origine cubana. Mia moglie è vicepresidente dell’Associazione Diffusione Latina che si occupa principalmente di prestare servizi ai Cubani residenti in Italia, organizza incontri, attività per promozionare e diffondere l’arte e le tradizioni della cultura cubana. Così abbiamo deciso che la prossima ricetta sarà una sua ricetta. Le foto che vedrete sono fatte a Trinidad una delle città più antiche dell’America Latina.

 

Un po’ di storia su come nascono le Fajtas questo piatto nasce dai vaqueros o meglio conosciuti come mandriani Texani, coloro che portavano al pascolo intere mandrie di bestiame. Questo lavoro veniva svolto principalmente da parte di schiavi liberati, spagnoli e messicani per racimolare qualche soldo. Una “faja”, come la chiamano i messicani, una cinta di carne dura piena di tendini, una parte dell’animale che non può essere mescolata ai pezzi migliori. Veniva destinata per chi produceva cibo per gli animali o ai possessori di cani dei ranch vicini. La faja deve essere marinata per alcune ore nel succo di lime o annaffiata da abbondante tequila. La componente alcolica del liquore  dopo diverse ore, diventa essenziale per ammorbidirla. Viene tagliata a piccole strisce, in modo tale da rompere i tendini che le regalano quell’indicibile durezza. Il passo successivo è la cottura che deve avvenire esclusivamente con legna di mesquite, La carne viene servita con le tortillas di mais che lo fanno un piatto classico della cucina messicana saporito e appetitoso. La carne va macerata in aglio, paprika, e due peperoncini, pepe, curcuma, cumino e rum. Fare un soffritto con cipolla rossa, e peperoni. Mettete la carne macerata e preparate a parte una salsa di pomodoro aggiungendo un po’ di tomato e unite il tutto. Le tortillas comprarle già pronte e riscaldandole lievemente unire il ripieno e richiuderle. E quindi buon appetito!

Pubblicità

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci