Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Fantastica video-ricetta del ribelle cannolo tricolore di Donna Rita Monforte

Il cannolo ribelle e tricolore: il rosso della cialda come colore della passione e della libertà; il bianco della ricotta per la sua ingenuità e purezza; il verde del pistacchio come colore della speranza che tutto vada bene, per la Repubblica Italiana che si riprenda presto da questa terribile crisi

Tempo di lettura: 3 minuti

Oggi per la Festa della Repubblica pensando a come l’Italia si è sentita unita durante i tre mesi lock down, mi è venuta questa ispirazione su come rendere originale è in qualche modo “ribelle” la già perfetta ricetta del cannolo siciliano. Ma vediamo brevemente tra le varie storie della sua origine quella che ci è piaciuta di più. Le origini del cannolo probabilmente sono arabe; si dice che furono per prime le donne dell’Harem del Castello delle donne del signore di Qalc’at al-Nissa, oggi la città di Caltanissetta, che tristi per la loro condizione, per colmare il proprio vuoto amoroso, producevano ogni sorta di dolci. Quando gli harem scomparvero è possibile che qualcuna delle concubine, convertita alla fede cristiana e di fatto diventata monaca, abbia portato con sé le ricette. Una sorta di ribellione da parte di donne schiave che finalmente liberate, potevano invadere il “mondo” con questa squisita “dolcezza”.  Così è nato il cannolo ribelle e tricolore: il rosso della cialda come colore della passione e della libertà dalla schiavitù; il bianco della ricotta per la sua ingenuità e purezza; il verde del pistacchio come colore della speranza che tutto vada bene, per la Repubblica Italiana che si riprenda presto da questa terribile crisi.
Il cannolo ribelle

  • Farina OO 260 gr
  • Zucchero 20 gr
  • Burro 30 gr
  • Colorante rosso in polvere 5 gr
  • Sale fino 1 cucchiaino
  • Uova 20 gr
  • Aceto di vino bianco 10 gr
  • Ricotta 1 kg
  • Zucchero 130 gr
  • Gocce di cioccolato fondente 80 gr

Prepariamo la cialda: in una ciotola versate la farina, il cacao setacciato, lo zucchero,  il sale, il colorante, il burro freddo di frigorifero e unite l’uovo sbattuto lasciandone da parte un poco perchè servirà per unire i lembi delle cialde. Versate poi il marsala e l’aceto. Iniziate ad impastare con le mani dopodiché trasferite sul piano e lavorate per una decina di minuti finché non otterrete un impasto omogeneo. Coprite con pellicola e lasciate riposare in frigo per circa 1 ora.


Trascorso il tempo prendete l’impasto. Schiacciate per bene con le mani e poi inserite il pezzo tra i rulli della macchina tira pasta. All’inizio potrebbe stracciarsi, non preoccupatevi basterà ricomporre e ripetere. Non appena l’impasto risulterà ben compatto, piegate verso l’interno le due estremità e ripassate ancora tra i rulli partendo dallo spessore più largo. Non appena risulterà più liscio richiudete la sfoglia stavolta non facendo due pieghe ma soltanto una e passatelo tra i rulli ancora 3-4 volte.


Man mano abbassate gradualmente la numerazione, quindi lo spessore. Continuate a tirare la pasta fino ad arrivare al numero 8 della macchina o quello che sulla vostra corrisponde ad uno spessore di 0,5 mm. Tutti questi passaggi serviranno a rendere l’impasto più dilatato, così che in cottura si formino, le bolle. Con una rondella tagliapasta a lama liscia, ricavate dei quadrati 10×10, quindi prendete in mano ciascun quadratino di impasto, nel mezzo sistemate un cilindro in acciaio che in modo che vada da un angolo all’altro. Avvolgete un lembo di pasta sul cilindro, spennellate con l’uovo rimasto l’altro lembo prima di congiungerlo con l’altro. Formate il primo cannolo e continuate così, con tutto l’impasto. È importante che i cannoli restino un po’ a seccarsi all’aria prima di cuocere. Scaldate l’olio fino a raggiungere la temperatura di 180 gradi Iniziate a friggere i cannoli uno alla volta. Ci vorrà meno di 1 minuto, girateli di continuo. Scolate i cannoli, utilizzando una pinza e trasferiteli su un vassoio foderato con carta da cucina. Poi lasciate che intiepidiscano prima di estrarre il cilindro; per farlo sarà sufficiente schiacciarlo leggermente, le due sfoglie metalliche tenderanno a rientrare. Setacciate la ricotta in una ciotola. Versate lo zucchero e lavorate il composto con una spatola. Trasferite in un sac-à poche e utilizzatelo per farcire i cannoli, guarnite con granella di pistacchi, e spolverizzate con lo zucchero a velo.

 

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci