Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Catania, il Comitato Cittadino Vulcania Ambiente aderisce allo Sciopero Globale per il Clima

Il 27 settembre, alle ore 9.00 in piazza Roma, le persone manifesteranno per chiedere ai governi azioni concrete contro i cambiamenti climatici

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA – Il clima sta cambiando in tutto il Globo e ancora schiere di esperti stanno studiando gli effetti a modio-lungo termine di questi stravolgimenti planetari. Versioni controverse riguardo agli effetti sul clima e importanti polemiche stanno alimentando l’opinione pubblica di diversi Paesi, ma i citizen per conto loro hanno deciso di dare voce forte e farsi ascoltare dai governi attraverso un’onda di attivismo dei cittadini globali. Da parte sua – il Comitato Cittadino Vulcania Ambiente aderisce allo “Sciopero Globale per il Clima” contro il cambiamento climatico, per chiedere ai dirigenti europei una politica ambientale ambiziosa e forte, capace di rispettare gli accordi presi a salvaguardia del pianeta. E’ già iniziata una grande mobilitazione che potrebbe segnare un punto di svolta nella lotta ai cambiamenti climatici. Lo sciopero globale per il clima promette di essere una delle più grandi manifestazioni in difesa dell’ambiente della storia, segnando un punto di svolta nella lotta al riscaldamento globale. E’ sempre più evidente che la crisi climatica non è una faccenda da ecologisti ma una minaccia senza precedenti per le società moderne, con profonde ripercussioni economiche, politiche e sociali.

Interviene la presidente del comitato, Angela Cerri: “La crisi climatica è il più grave problema che l’umanità si sia mai trovata ad affrontare, supera i confini e coinvolge ogni continente. È ormai evidente che gli impatti del riscaldamento globale non riguardano il futuro delle prossime generazioni, bensì il nostro presente. I cambiamenti climatici sono già con noi e avranno una profonda influenza nel corso delle nostre vite. Anche a Catania, corteo pacifico domani, 27 settembre, sarà l’occasione per dimostrare da che parte stiamo, per cominciare a fare qualcosa di utile e la possibilità di esprimere nella piazza, insieme al gruppo organizzativo Fridays For Future Catania e l’adesione di tantissime associazioni e comitati di categoria, un giudizio sulle decisioni prese al Palazzo di vetro dell’Onu. Tutto ciò per esigere azioni concrete per contrastare gli effetti del riscaldamento globale e cercare di impedire il declino della civiltà.”

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci