17.8 C
Catania
giovedì, Febbraio 29, 2024
spot_imgspot_img
HomeCronacaContro carenze in Molise e Sicilia arrivano medici stranieri

Contro carenze in Molise e Sicilia arrivano medici stranieri

A Mussoleni nel Trapanese la prima dottoressa argentina prenderà a servizio il primo aprile

Dopo i medici cubani in Calabria, altri camici bianchi stranieri arriveranno al Sud per colmare le carenze: in Molise e in Sicilia. “Sono 12 i medici stranieri specializzati in Anestesia e Rianimazione che hanno risposto all’avviso pubblico dell’Azienda sanitaria regionale del Molise (Asrem) per l’assunzione a tempo determinato di 19 professionisti. Mentre l’Asp di Trapani e il sindaco di Mussomeli, Giuseppe Catania, hanno accolto la prima dottoressa argentina: Laura Lator, 37 anni, chirurga, sposata con tre figli. La specialista è stata dichiarata idonea. Ha fatto i bagagli e si è trasferita in Sicilia. Dal primo aprile Laura sarà in servizio. E l’11 aprile una seconda commissione esaminerà altri 8 medici sempre sudamericani”. A fare il punto è Foad Aodi, presidente dell’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) e del Movimento internazionale Uniti per Unire.

Pubblicità

 

Dei 12 medici anestesisti stranieri che hanno risposto al bando in Molise, “uno è risultato in possesso di tutta la documentazione richiesta, altri 10 sono stati ammessi con riserva per carenza di documentazione, uno è stato escluso in quanto non in possesso della specializzazione richiesta – spiega il presidente Amsi – Da alcuni mesi, a seguito della scarsa adesione di medici italiani ad avvisi e concorsi per il Molise, l’Asrem ha deciso di rivolgersi a quelli stranieri in deroga alle norme che disciplinano le procedure per il riconoscimento delle qualifiche professionali sanitarie conseguite in un Paese dell’Unione europea o in Paesi terzi”.

“Il nostro obbiettivo è aiutare il Servizio sanitario nazionale e la sanità italiana a costo zero e far rispettare il diritto al lavoro per tutti – rimarca Aodi – trattare tutti i medici nello stesso modo nonostante tanti ‘nemici’ dietro le quinte. Basta leggere l’inchiesta di Bergamo, dove alcuni hanno rifiutato le domande dei professionisti della sanità stranieri. Inoltre, invitiamo a leggere le dichiarazioni di alcuni sindacati ed esponenti degli albi professionali contro queste scelte” .

 

 

 

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Redazione CT
Redazione CThttps://www.siciliareport.it
Redazione di Catania Sede principale
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli