Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Intimidazione a deputato Fava, cravatta tagliata nel suo ufficio all’Ars

Solidarietà di Musumeci e Miccichè

Tempo di lettura: < 1 minuto

Palermo, 5 ago. – Nella sua stanza di Palazzo dei Normanni ha trovato la cravatta, che solitamente usa per le sedute d’Aula, tagliata a metà. E’ accaduto al deputato regionale e presidente della Commissione Antimafia Ars Claudio Fava che ha denunciato il tutto alla polizia. Ieri, Fava si è recato nella sua stanza, quella del presidente della Commissione Antimafia, per indossare la cravatta obbligatoria per le sedute di Sala d’Ercole e l’ha trovata tagliata. Alla stanza del presidente della commissione Antimafia si accede solo dal cortile della Fontana.

Al deputato è arrivata la solidarietà del parlamento siciliano. “Questo accadimento certamente non fermerà l’attività del presidente dell’antimafia siciliana. A Fava giunga il nostro abbraccio” dicono i deputati del M5S. Di “gesto ignobile” parla il capogruppo di Popolari e Autonomisti Carmelo Pullara: “Non saranno certo questi atti vili, come il taglio di una cravatta, a frenare l’importante attività svoltadalla stessa Commissione e da chi la rappresenta sulle vicende più oscure e spigolose che riguardano la nostra Isola”.

“C’è ancora tanta gente che crede di potere condizionare le azioni della politica, con le blandizie o con le intimidazioni. Fare da scudo a tali tentativi significa volere riaffermare il primato della buona politica su tutto. Al presidente dell’Antimafia Claudio Fava va quindi la solidarietà mia e del governo regionale”.
Lo dichiara il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

“La mia solidarietà e quella del Parlamento siciliano all’onorevole Fava per l’episodio di cui è stato vittima. Lo invito a proseguire la sua attività nella commissione
regionale Antimafia con la stessa determinazione dimostrata finora”. Così, in una nota, il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè.
(Adnkronos)

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci