Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

In ospedale 2 missionari a Palermo, volontari Biagio Conte “chi può ci aiuti”

Dichiarata dal governatore siciliano, Nello Musumeci, zona rossa dopo il focolaio scoppiato all'interno della struttura in via Decollati

Palermo, 19 set. – Due missionari della Missione speranza e carità di Biagio Conte a Palermo, dichiarata dal governatore siciliano, Nello Musumeci, zona rossa dopo il focolaio scoppiato all’interno della struttura in via Decollati, sono stati ricoverati. “Si tratta di fratello Giovanni con polmonite e anche un altro fratello è in ospedale e non sappiamo quali sono le sue condizioni generali”, dicono i volontari che ringraziano “chi in queste ore sta facendo qualcosa come il Comune, la Regione, le forze dell’ordine, l’Azienda sanitaria provinciale e MSF. Comprendiamo che è necessario che si uniscano tutte le forze possibili per trovare le soluzioni per aiutare la Missione e tutta la città”.

“La Missione non è da intendersi come un ente privato o una proprietà privata o una Ong ma come una Missione al servizio della Speranza – dicono missionari e volontari -. La Missione rappresenta soprattutto il cuore generoso della città verso le tante emergenze di povertà materiali e spirituali di questa società”. I pochissimi missionari e volontari sono ormai allo stremo delle forze e continuano a darsi da fare, ma chiedono di “continuare ad aiutare la Missione con tutti gli aiuti possibili, anche attraverso una parola buona”. “Chi sente di farlo faccia una preghiera a Dio perché aiuti tutti. Con l’aiuto di Dio e con l’aiuto di chi fa il bene riusciremo a superare questo momento. Rimaniamo uniti”, concludono.
(Adnkronos)

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci