Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

A UniMe nuovo finanziamento ERASMUS+ Ka 107 International Credit Mobility CM

Tempo di lettura: 2 minuti

MESSINA – Il Rettore Cuzzocrea : “In sette anni finanziati circa 2 milioni e mezzo di Euro per mobilità con paesi extra europei”
Anche quest’anno UniME ha ricevuto un finanziamento nell’ambito del programma ERASUS+ KA107 – International Credit Mobility. Finanziati circa 315 mila € per 80 mobilità studenti e staff da realizzare nel corso del prossimo triennio. I paesi finanziati nell’ambito della Call 2020 sono Israele, Marocco, Tunisia, Ucraina e Vietnam.
“Si tratta del settimo anno consecutivo in cui il nostro Ateneo – ha commentato il Rettore prof. Salvatore Cuzzocrea – ottiene un finanziamento nell’ambito di questo programma per la realizzazione di mobilità in entrata ed in uscita di studenti e staff provenienti da Paesi extra Europei”.
Complessivamente sono stati ottenuti finanziamenti nel corso del settennio di programmazione finanziaria europea 2014-20 per € 2.428.207, di cui circa un milione di euro già impiegati sui progetti approvati tra il 2015 ed il 2018 che hanno finanziato, ad oggi, borse di mobilità per 154 studenti e 20 mobilità staff con Università partner di Albania, Algeria, Guatemala, Marocco, Tunisia, Russia

Il progetto Erasmus+ ICM ha rappresentato per il nostro Ateneo uno strumento di grande apertura verso università di tutto il mondo. Nel corso del prossimo triennio saranno finanziati oltre 250 scambi di studenti e staff con università partner di Albania, Argentina, Armenia, Cile, Cina, Georgia, Guatemala, Israele, Malesia, Morocco, Palestina, Ucraina e Viet-Nam per una disponibilità di circa un milione e mezzo di euro.
“Un risultato ottimo per un lavoro in sinergia fra l’amministrazione ed i docenti che hanno accolto con entusiasmo le opportunità offerte da questo programma – ha dichiarato il Prorettore all’internazionalizzazione, prof. Antonino Germanà -. Adesso è importante continuare in questa direzione. Il momento che stiamo vivendo è particolarmente complesso, ma si continua a lavorare per creare sempre maggiori opportunità di scambio per i nostri studenti, docenti e staff amministrativo, e per consolidare attività di cooperazione e collaborazione didattica e scientifica con Atenei di tutto il mondo”.

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci