HomePoliticaCancelleri (M5S), "Razza? ennesimo schiaffo ai siciliani di Musumeci"

Cancelleri (M5S), “Razza? ennesimo schiaffo ai siciliani di Musumeci”

Palermo, 3 giu. – “E’ incredibile come Musumeci in questi anni di governo sia riuscito a far parlare della Sicilia sempre e soltanto per cose negative”. Così il sottosegretario alle Infrastrutture e esponente del M5S Giancarlo Cancelleri commenta la decisione del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci di richiamare Ruggero Razza alla guida dell’assessorato alla Sanità.       “Riesce a passare da un fallimento ad un altro con una facilità imbarazzante, il tutto guidato solo dalla logica della spartizione di poltrone e anche questa volta non si smentisce – aggiunge – Sia chiaro, la rinomina di Razza non è fuori luogo per le indagini a suo carico, per quello c’è la magistratura, ma per la frase pronunciata a proposito dei deceduti a causa del Covid ‘spalmiamo i morti’. E’ tutto ciò che rende il suo ritorno inopportuno e disgustoso. Dopo aver tenuto calda per tre mesi la poltrona del suo delfino, adesso lo rinomina alla sanità, sperava che tutto si sgonfiasse, invece è bastato riesumarlo per far risalire l’indignazione dei siciliani. Potrebbe sembrare uno scherzo, ma è proprio il caso di dire ‘non è lercio’! E’ l’ennesimo schiaffo ai siciliani che ancora una volta vengono dopo i giochini politici fatti, stavolta, sulla loro pelle. Ed è l’ennesimo disastro di Musumeci, solo e prepotente. Mi chiedo fino a quando i suoi alleati accetteranno tutto questo”.

Pubblicità

”Il ritorno di Ruggero Razza all’assessorato alla salute siciliano è del tutto inopportuno. Ci sonodelle indagini in corso su cui aspetteremo la magistratura, ma le intercettazioni che sono emerse sono agghiaccianti. Pensare che dalla Sicilia sarebbero stati inviati dati dei decessi ‘spalmati’ resta un’ipotesi di una gravità inaudita. L’assessore si era giustamente dimesso e il presidente Musumeci aveva accettato le sue dimissioni. Da quel giorno non è cambiato nulla. Non si capisce che senso abbia dunque nominare nuovamente Razza”. Così, in una nota, i senatori del MoVimento 5 Stelle in commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama.  “In questo quadro, intanto, – aggiunge – la Sicilia è fanalino di coda nell’andamento della campagna vaccinale sia per popolazione vaccinata sia per quanto riguarda gli over 80 e la fascia 70-79 anni. Musumeci dovrebbe pensare ai siciliani non alle proprie convenienze politiche mettendo gravemente a repentaglio la credibilità e l’affidabilità della sanità siciliana”.

“Da un governo-farsa come quello di Musumeci, non potevano che arrivare dimissioni-farsa come quelle di Razza. È davvero vergognoso che si prendano in giro così tutti i siciliani, specie su un tema importantissimo e delicato come la salute, che assorbe buona parte dei soldi e delle tasse dei siciliani e che da oggi viene ufficialmente interpretato con tinte farsesche: Razza viene beccato a dire ‘spalmiamo i morti’, si dimette e dopo poche settimane Musumeci lo rinomina. Le nobili penne di Pirandello o Camilleri avrebbero immaginato quanto meno una trama più avvincente, mentre la destra siciliana si muove nel cliché più scontato, a tutto danno dei cittadini. Purtroppo per tutti noi, dietro il balletto farsa di Razza e Musumeci, c’è la tragedia della sanità siciliana, i suoi buchi, le sue inadeguatezze, le sue clientele, e le bugie che hanno contraddistinto questa indecorosa gestione. Questi signori hanno toccato il fondo, rivelandosi meno affidabili dei pupi siciliani, che almeno ci fanno ridere, mentre oggi, di fronte alla rinomina di Razza dopo le dimissioni-farsa, c’è solo da piangere”. Così in una nota Dino Giarrusso, europarlamentare del Movimento 5 Stelle.

“L’ex assessore dimissionario per un’inchiesta dai risvolti clamorosi, che ha evidenziato i dati truccati delle vittime e dei contagi per Covid, ridiventa con tutti gli onori nuovamente assessore dopo qualche mese nello stesso assessorato. Ciò può accadere solamente in Sicilia, una Regione guidata da un presidente ormai senza pudore e senza rossore”. Così la deputata del Gruppo Misto Simona Suriano commenta la decisione del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci di richiamare Ruggero Razza alla guida dell’assessorato alla Sanità.  “Se prima Musumeci si ammantava di legalità, giustizialismo, trasparenza adesso dovrebbe avere il buon gusto di tacere. Ha rimesso al suo posto, per biechi tornaconti elettorali, il suo delfino accusato di episodi pesantissimi: i siciliani non dimenticano chi con tanta leggerezza decideva di spalmare i morti – aggiunge – Ma non dimenticano nemmeno la mala gestio dell’emergenza sanitaria. Mentre Musumeci è giustizialista con gli altri con i suoi è il primo dei garantisti. Eppure il suo assessore si era dimesso, giustamente, perché travolto da una inchiesta pesantissima: cosa è cambiato in questi pochi mesi? La paura delle elezioni fa 90: presto i siciliani si libereranno dall’incubo Musumeci”.
(Adnkronos)

 

 

 

 

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Redazione CThttps://www.siciliareport.it
Redazione di Catania Sede principale
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Sicilia Report TV

Ultimissime

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli