Torna l’appuntamento con il Festival internazionale del cortometraggio comico-umoristico vi aspetta nella Terra di Bò (Villa di Bella, Via Garibaldi 298 – Viagrande) con la sua serata dedicata alla proiezione dei corti finalisti, in programma per il 7 agosto a partire dalle 21.
Un’unica serata, quindi: sabato 7 agosto 2021 a partire dalle 21, per fare spazio all’allegria, al buonumore e alla risata (che – ricordatelo! – aumenta anche le difese immunitarie), vere e proprie parole d’ordine per il team di Dibo Eventi e Mizzica Film che garantisce come sempre ciclopiche risate.
Il Festival Bò Laugh, il grande contenitore di cabaret, musica, arte e intrattenimento che celebra la risata e l’ironia in tutte le sue forme, si adegua alle norme anti-Covid19… pertanto anche quest’anno il numero dei posti è limitato.
Per garantire al massimo la sicurezza degli spettatori, della giuria e del team organizzativo è disponibile un numero di telefono (3476906990 whatsapp o sms) per prenotare e garantirsi così un posto a sedere, e contenere il pubblico sotto le 150 persone.

Pubblicità

Sono 11 i corti finalisti: Io sono Dio (Riccardo Stopponi); Chinmoku No Chinmoku (Anthony Légal); Fratelli Noiu (Daniele Gangemi); Friendzone (Sergio De Miguel); Gli stambecchi del Robinet (Ruben De Marchi); Loop (Pablo Polledri); Niente di glamour (Giovanni Conte); 27 marzo 2020 (Alessandro Haber); Usted dirà (Ignacio Rodò); Sigue (Ignacio Molina Casquero); Centrifugado (Ignacio Rodò)

In palio il premio Miglior Cortometraggio che sarà assegnato, come di consueto da una folta giuria di esperti di cinema e cinematografia, giornalisti e critici di settore, registi e (semplici) appassionati della Settima Arte che quest’anno sarà presieduta dal giornalista, critico musicale e drammatico, Nello Pappalardo presente a State aKorti sin dalla sua prima edizione.
Inoltre saranno consegnati i due premi speciali Legambiente e Globus Magazine.

Testimonial della XIV edizione di State aKorti sarà l’attore Tuccio Musumeci, che – come già molti altri artisti siciliani – riceverà la solenne investitura del Festival: l’identificazione con una pianta all’interno dell’Orto Bòtanico. Come sempre resta un segreto la pianta scelta dal testimonial che verrà svelata proprio dal testimonial in occasione della serata.

Ospiti della serata anche Salvo Spoto, autore del lungometraggio, protagonista lo chef pluristellato e volto televisivo Bruno Barbieri,  “Sosia: la vita degli altri” per il quale  State aKorti e Globus Magazine  hanno assegnato un premio, e Mattia Iachino Serpotta per la parentesi letteraria del festival con “La gente non stanno bene”, il suo primo (e -dice lui- anche ultimo) libro scritto per amore e per liscìa.
Durante la serata si presenterà anche il progetto “Dino il Fico / Around the Sicily”, una docuserie a bordo di una Fiat 1100, una guida online sulla Sicilia con protagonisti anche un cane, un gatto e un Fico d’India.

Tutto pronto quindi per il ciak su questa edizione (ancora) in versione ridotta, grazie all’indefesso lavoro del direttore artistico Simone Spitalieri.
A presentare la manifestazione, sarà come di consueto la giornalista Carla Condorelli, ormai storica presentatrice di State aKorti e, sotto l’Alias di Erremoscissima, front woman degli Stipsy King, il gruppo goliardico-demenziale da una cui costola è nato il Festival State aKorti.

Il concorso è patrocinato da Codacons, Città Metropolitana di Catania, Comune e Pro Loco di Viagrande, Legambiente. Main Sponsor: Acque Mangano.
State aKorti e Mizzica Film fanno parte di FCS, il coordinamento dei festival del cinema in Sicilia (www.festivalcinemasicilia.org) al quale hanno aderito ben 30 realtà.