Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

Aggressione medico al Garibaldi, la Cisl non ci sta: occorre trovare soluzioni diverse

Chiediamo al signor Prefetto un incontro per valutare quali interventi è necessario fare e come realizzarli per garantire la sicurezza

56

CATANIA – Una nota della Cisl è pervenuta a questa redazione nella quale si evidenzia l’assoluta necessità di un cambiamento radicale all’interno degli ospedali e dei presidi medici per garantire la completa sicurezza agli operatori. L’organizzazione sindacale chiosa: “Basta! Non è più possibile che i medici vengano aggrediti all’interno degli ospedali. Chiediamo al signor Prefetto un incontro per valutare quali interventi è necessario fare e come realizzarli per garantire la sicurezza a chi ogni giorno lavora per curare persone e salvare vite».

È quanto dice Biagio Papotto, segretario generale nazionale della Cisl Medici e la segreteria provinciale della federazione della dirigenza medica della Cisl, sull’ultima aggressione a un medico, avvenuta stamattina, all’interno dell’ambulatorio di otorinolaringoiatria dell’ospedale Garibaldi Centro.

Per Maurizio Attanasio, segretario generale della Cisl di Catania «ci troviamo davanti a un’escalation che costringe a trovare misure diverse rispetto a quanto fatto finora». «Abbiamo sottolineato sempre alla Questura di Catania – ricorda – la delicata situazione in cui si trovano i Pronto soccorso cittadini e la necessità di una maggiore attenzione per la loro sicurezza. Emerge la necessità che attraverso una conferenza di servizi delle istituzioni interessate si possano cominciare a individuare le prime soluzioni realizzabili»”.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci