Sicilia Report
Direttore Paolo Zerbo
Montalto 336×280

Vincenzo Spampinato: un “omaggio” a S.Agata, “Frivaru senza tia”

Video e testo della canzone per celebrare insieme al M° Vincenzo Spampinato la bellezza della Santa

Le parole commosse di Margherita Guglielmino responsabile editoriaIe di Carthago Edizioni: “In occasione delle festività agatine non poteva che essere la dolce e appassionata musica del Maestro Vincenzo Spampinato a rappresentare il malcontento e il vuoto che la comunità catanese vive in questo momento.  Viste le restrizioni opposte ai festeggiamenti dovuti all’attuale pandemia in atto, alcuno dei momenti più salienti della festa votata alla Padrona della Città Sant’Agata avrà luogo. Parole toccanti vibrano attraverso la voce del Maestro che nel brano dedicato alla Santa, ha modo di ripercorrere tutte le tappe che il fercolo segue e persegue ogni anno. Dai suoi versi così leggiamo: “dimmi come faccio senza di te senza luminarie e fuochi d’artificio, senza il cordone della ‘vara’ (fercolo) senza la ‘salita di Via S. Giuliano’. Ma io stanotte salirò fino al Borgo (piazza Cavour) senza la nostra Santa non siamo nessuno, non puoi sapere quanto mi manchi, io sono una goccia del tuo mare di fazzoletti bianchi”. E a noi tutti non resta che urlare: “Cittadini evviva Sant’Agata”.

Riportiamo il post del Maestro e il testo della canzone “Frivaru senza tia”.

“Che febbraio è senza la nostra Patrona S. Agata…senza la nostra Picciridda? Neanche 6 corde di chitarra possono bastare per la dolce tristezza di questa canzone, “Frivaru senza Tia…Febbraio senza Te. Non l’ho scritta solo per me, ma per tutta la mia Città! Su non si “Catanisi” non puoi capire il vuoto di questi primi giorni di febbraio, non puoi capire cosa vuol dire “essiri ‘n cocciu di ddu mari di fazzuletti ianchi!

Frivaru senza tia/ E ‘sta Città s’arrusbigghiau scura/senza li sacchi ianchi e li cappeddi,/Santaituzza arristau sula/arreri o ferru di li so canceddi./La Terra è tutta para ammilinata/a Picciridda non si po’ tirari/non sai quantu mi manca la Nisciuta/comu lu suli quannu spunna u mari./Frivaru senza tia…frivaru senza tia/avannu senza tia!/E rimmi comu fazzu senza tia/senza ‘na cannalora ca furria/non ci su cchiu monichi a cantari/e mancu cira unni sciddicari./Ma iù t’aspettu u stissu a stamatina/davanti alla Calata da Marina,/chiamannuti cu li me pugni stritti/picchì semu devoti, semu devoti tutti!/E sutta lu Liotru assittatu/taliu l’acqua o linzolu ca non canta/mi sentu ‘nterra sugnu dispiratu/e s’astutau macari la Muntagna!/Frivaru senza tia…frivaru senza tia/avannu senza tia!/E rimmi comu fazzu senza tia/senza acchiggiati né muschitteria/senza lu tò curduni nta li manu/senza acchianata di Sangiulianu./Ma iù stanotti u stissu acchianu o Buggu/picchì senza la Santa semu nuddu/non po’ sapiri quantu tu mi manchi/iù sugnu ‘n cocciu di to mari/di fazzuletti ianchi!

Febbraio senza Te (traduzione)

Questa città si è svegliata buia, senza i “sacchi” bianchi e i cappelli.

Agata è rimasta da sola, dietro il ferro dei suoi cancelli.La Terra è avvelenata e la Bambina (S. Agata) non può essere tirata dai devoti. Non potete sapere quanto mi manca “a nisciuta” (S. Agata che esce dalla Cattedrale) mi manca come il sole quando sfonda il mare. Febbraio senza te, febbraio senza te…quest’anno senza te!

Dimmi come faccio senza di te, senza “candelore” (i cerei che girano per la città) Non ci sarà né il canto delle monache né la cera sulle strade che fa scivolare. Ma io ti aspetterò lo stesso stamattina davanti la “Calata della Marina” e ti chiamerò stringendo i pugni per il dispiacere, perché siamo devoti…tutti devoti!

Sotto la Fontana dell’Elefante guardo l’acqua che non riesce a cantare mi sento a terra, mi sento disperato e anche l’Etna si è spenta! Febbraio senza te, febbraio senza te…quest’anno senza te!

Dimmi come faccio senza di te senza luminarie e fuochi d’artificio, senza il cordone della “Vara” (fercolo) senza la “Salita di via Sangiuliano”. Ma io stanotte salirò fino al Borgo (Piazza Cavour) senza la nostra Santa non siamo nessuno, non puoi sapere quanto mi manchi, io sono una goccia del tuo mare di fazzoletti bianchi.

I commenti sono chiusi.