17.9 C
Catania
lunedì, Aprile 15, 2024
spot_imgspot_img
HomeCronacaSequestrati al porto oltre 4000 giocattoli cinesi potenzialmente pericolosi per la salute

Sequestrati al porto oltre 4000 giocattoli cinesi potenzialmente pericolosi per la salute

Nell’ambito del quotidiano dispositivo operativo di controllo alle merci in importazione, i Finanzieri del Comando Provinciale di Palermo, unitamente a personale della locale Agenzia delle Dogane, hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro di 4.008 giocattoli di provenienza cinese

Nell’ambito del quotidiano dispositivo operativo di controllo alle merci in importazione, i Finanzieri del Comando Provinciale di Palermo, unitamente a personale della locale Agenzia delle Dogane, hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro di 4.008 giocattoli di provenienza cinese, potenzialmente pericolosi per la salute a causa dell’elevata presenza di “ftalati”, sostanza utilizzata per rendere i prodotti plastici maggiormente pieghevoli e morbidi.
Il provvedimento è stato disposto dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo, a seguito di una pregressa attività eseguita congiuntamente dai Funzionari dell’ADM e dalle Fiamme Gialle, che nel mese di novembre avevano già individuato analoga importazione.

Pubblicità

 

 

 

Le analisi chimiche effettuate sui giocattoli dal laboratorio dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno infatti permesso di evidenziare la presenza di un quantitativo di “ftalati” eccedente il limite imposto dalla normativa unionale e, quindi, la potenziale pericolosità per la salute delle persone, specialmente bambini.
Gli ftalati difatti sono noti interferenti endocrini di cui la comunità scientifica ha provato il legame con obesità, insulino-resistenza, asma e disturbo da deficit di attenzione ed iperattività.

 

I finanzieri del 1° Nucleo Operativo Metropolitano, unitamente ai funzionari dell’Ufficio delle dogane, hanno pertanto provveduto a sequestrare i 4.008 giocattoli, in quanto non conformi alle normative vigenti (art. 3 del D.lgs. 54/2011) e muniti di marchio CE mendace (art. 517 c.p.).

 

Le operazioni svolte rientrano nell’ambito delle attività promosse attraverso il protocollo di intesa siglato tra la Guardia di Finanza e l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, con il quale si è inteso rafforzare il contrasto ai traffici illeciti connessi alla circolazione delle merci in ingresso nel territorio doganale dell’Unione Europea.
Si evidenzia che l’attività in argomento è stata eseguita sulla scorta degli elementi probatori acquisiti in fase di indagine preliminare. Pertanto, in attesa di giudizio definitivo, sussiste la presunzione di innocenza.

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Redazione PA
Redazione PA
Redazione Palermo
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli