13.4 C
Catania
sabato, Aprile 20, 2024
spot_imgspot_img
HomeProvinceCataniaFalsa domestica aveva minacciato anziano con un coltello, condannata e arrestata

Falsa domestica aveva minacciato anziano con un coltello, condannata e arrestata

La donna dovrà scontare la pena di 4 anni di reclusione presso la casa circondariale di Catania Piazza Lanza

Su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, i Carabinieri della Stazione di Acireale hanno eseguito un ordine di carcerazione, divenuto esecutivo a seguito del pronunciamento della Corte Suprema di Cassazione, a carico di Grazia Rosa Pappalardo, pregiudicata catanese di 34 anni, per il reato di “rapina aggravata in concorso”.
La PAPPALARDO, che dovrà scontare la pena di 4 anni di reclusione presso la casa circondariale di Catania Piazza Lanza, in quanto si è resa responsabile, unitamente ad un complice tutt’ora in corso di identificazione, di una rapina perpetrata nel 2011 ai danni di un 87enne, presso la sua abitazione di Acireale.

Pubblicità

 

Nella circostanza la PAPPALARDO, all’epoca dei fatti, si era recata presso l’abitazione della vittima, unitamente ad una donna e ad un uomo e sfruttando la presenza di quest’ultimo, conoscente dell’anziano, le due donne si introducevano in casa con il pretesto di cercare lavoro come domestiche.
Dopo qualche giorno, le predette si erano ripresentate a casa dell’anziano, asserendo di essere madre e figlia, chiedendo nuovamente lavoro come domestiche e del denaro. Alla risposta negativa dell’87enne, la PAPPALARDO gli lasciava un numero di cellulare.

Nel pomeriggio del 24 aprile 2011 la PAPPALARDO si ripresentava davanti alla porta di casa dell’anziano con un altro uomo e, questa volta, dopo essere entrati con la forza, la PAPPALARDO si avventava sul malcapitato tenendolo fermo sotto la minaccia di un coltello, mentre il complice lo colpiva con pugni e calci.

Nella circostanza la PAPPALARDO avanzava “formale” richiesta di denaro all’anziano: “tu quindici giorni fa quando sono venuta a chiederti i soldi non me li hai dati” e soggiungendo: ”tu i soldi ce l’hai sei ricco”.

 

Nel corso della successiva attività di indagine effettuata dai Carabinieri, finalizzata all’individuazione dei responsabili, è emerso che l’intestatario dell’utenza telefonica risultava essere una componente del nucleo familiare della PAPPALARDO, mentre, tramite la visione di un fascicolo fotografico la vittima riconosceva nella persona di PAPPALARDO Grazia Rosa la donna che lo aveva minacciato in casa con il coltello.

 

 

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Redazione CT
Redazione CThttps://www.siciliareport.it
Redazione di Catania Sede principale
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli