Sicilia Report
Sicilia Report
Montalto 336×280

50 anni fa il primo femminicidio a Palermo, Cgil ricorda Anna Maria Battaglia

Palermo, 7 apr.  – Sono passati 50 anni dal primo femminicidio avvenuto a Palermo. L’8 aprile del 1971 Anna Maria Battaglia fu uccisa nel centro di Palermo dalla furia di un corteggiatore respinto.  “Fu il primo femminicidio di Palermo anche se allora la mentalità era restia e per troppi anni nessuno ha voluto chiamare quel delitto di efferata violenza con il suo vero  nome – afferma Enza Pisa, responsabile del coordinamento donne della Cgil Palermo – Oggi la famiglia, sconvolta per sempre da questa tragedia, vuole ricordare la giovane donna che era Anna Maria e sta condividendo il suo ricordo con i tanti amici che l’hanno conosciuta. Ci associamo, esprimendo solidarietà e vicinanza alla famiglia di Anna Maria e a tutte le donne che hanno subito violenza di genere e alle famiglie delle vittime”.

Pubblicità

 

“Purtroppo, in questi 50 anni nulla è cambiato dal punto di vista dell’atteggiamento di sopraffazione degli uomini nei confronti delle donne, della mentalità generale, dei comportamenti – aggiunge Pisa – Troppo spesso le donne continuano a subire molestie e violenza nella società, in famiglia, nei luoghi di lavoro. E a Palermo ancora si muore, come ci ricordano i due ultimi femminicidi di Roberta Siragusa a Caccamo e di Piera Napoli nel quartiere Cruillas. E’ importante far crescere il livello di sensibilizzazione nelle scuole e dare sostegno a tutte le associazioni che in questi anni hanno sopperito alle lacune delle istituzioni offrendo servizi reali per il sostegno delle donne in condizioni di emergenza. Chiediamo all’amministrazione di ricordarela figura di Anna Maria attraverso l’intitolazione di un luogo simbolo perché resti viva la sua storia”. (Adnkronos)

 

 

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: