Sicilia Report
Sicilia Report

Teatro Antico di Taormina, il Gran Gala “Solo per Amore” in omaggio a Vincenzo Bellini

Tenuto lo scorso 14 agosto per rendere omaggio al celebre compositore catanese nell’ambito della rassegna Bellini Renaissance

Al teatro antico di Taormina si è respirata un’aria di belliniana emozione per il primo Gran Gala, “Solo per amore”, che si tenuto lo scorso 14 agosto per rendere omaggio al celebre compositore catanese nell’ambito della rassegna Bellini Renaissance.
“Con il Gran Gala vogliamo istituzionalizzare le celebrazioni in onore di Bellini – spiega l’assessore regionale al Turismo, Dpprt e Spettacolo,Manlio Messina – che quest’anno, per ovvi motivi legati all’emergenza sanitaria, si stanno svolgendo in forma più contenuta, ma che mirano ugualmente a valorizzare e rafforzare l’immagine della Sicilia come destinazione di turismo culturale. Il nostro intento è quello di far diventare questa rassegna un evento di livello nazionale ed internazionale con un maggiore apporto culturale e anche economico da parte degli enti nazionali, preposti. Desideriamo attrarre e invogliare i turisti e in questo caso i melomani a scegliere la Sicilia quale ideale percorso culturale ma anche paesaggistico, per incontrare l’identità dei luoghi, conoscerne la storia, le tradizioni, l’arte e la musica come volano di promozione culturale e turistica del territorio etneo e dell’intera Regione”.

Bottone 980×300

Un progetto di promozione culturale e turistica, promosso dall’Assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana in collaborazione con il Teatro Massimo Bellini di Catania, il Teatro Massimo di Palermo, il Teatro Vittorio Emanuele di Messina, la Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana, il Comune e l’Università degli Studi di Catania, il Conservatorio di musica “Vincenzo Bellini” di Catania, il Parco archeologico di Naxos-Taormina, di Catania e della Valle dell’Aci, la Soprintendenza ai Beni culturali e la Curia arcivescovile di Catania.

“Non c’è nulla di più fluido del linguaggio musicale – ha affermato il sovrintendente Giovanni Cultrera – Bellini vuol dire genialità ed è lui che ha omaggiato tutto l’universo con il suo estro artistico, consacrato gli allori della musica. “Bellini Renaissance” è un messaggio culturale che lancia a tutto il mondo un grido di voglia di bellezza”.

A brillare sul suggestivo palcoscenico della costa jonica, un cast di grandi artisti di fama mondiale, diretti dal Maestro Maria Carminati, tra cui il soprano Anna Pirozzi, nota per la sua drammaticità vocale mista ad una coloritura elettrizzante, che debuttò al Festival di Salisburgo sotto la direzione musicale di Riccardo Muti nella parte di Abigaille in Nabucco. Da qui una carriera in ascesa, che ha portato l’artista ad esibirsi nei più importanti teatri d’Europa e non solo, il Palau de les Arts Reina Sofía di Valencia, l’NCPA di Pechino e la New Israeli Opera di Tel Aviv. Recentemente ha interpretato Lady Macbeth al Metropolitan Opera di New York. La Pirozzi, conosce bene le composizioni di Vincenzo Bellini, in particolar modo la Norma, che l’ha vista in scena al Teatro Colon di Buenos Aires. Con lei sul palco anche il tenore Fabio Sartori, il mezzosoprano Veronica Simeoni e il baritono Simone Piazzola, vincitore del premio Abbiati, impegnato prossimamente a Verona e Birmingham nell’opera Un Ballo in Maschera di Giuseppe Verdi. Orchestra, coro, diretto dal Maestro Luigi Petrozziello e tecnici sono del Teatro Massimo “V.Bellini” di Catania in collaborazione con il Teatro Vittorio Emanuele di Messina.
Per l’evento inaugurale la Fondazione Taormina Arte assicurerà, tra l’altro, tutti i servizi necessari che riguardano la logistica.

Commenti