19.5 C
Catania
domenica, Aprile 21, 2024
spot_imgspot_img
HomeAttualitàGiornalisti: Fnsi e Ast, incontro con Olga Karatch, candidata al Nobel per...

Giornalisti: Fnsi e Ast, incontro con Olga Karatch, candidata al Nobel per la pace 2024

"Solidarietà e sostegno alla giornalista bielorussa"

Ospite della rassegna Euromediterranea, ha fatto tappa a Firenze l’attivista, giornalista bielorussa Olga Karatch, candidata al Nobel per la pace 2024, vincitrice del premio Langer per i diritti umani del 2023. L’incontro fiorentino, organizzato da Anna Meli, presidente del Cospe, con Florence Must Act e Love My Way, nell’ambito del progetto europeo Youth Care, ha visto la partecipazione di molte realtà toscane della società civile: Oxfam Italia, Fridays for Future Firenze, Un ponte per, Comitato Fiorentino Fermiamo la Guerra.

Pubblicità

Anche il presidente di Assostampa Toscana, Sandro Bennucci, ha voluto portare la sua solidarietà e il suo sostegno alla collega bielorussa a nome dei giornalisti toscani e della Federazione Nazionale della Stampa, con un saluto particolare della segretaria generale, Alessandra Costante e del presidente, Vittorio Di Trapani. “E’ un grande piacere, cara Olga – ha detto Bennucci – averti qui a Firenze e poterti esprimere tutta la nostra vicinanza in una battaglia per la libertà che vede il sindacato italiano dei giornalisti sempre in prima fila”.

 

Olga Karatch, direttrice del centro internazionale per le iniziative civili Our House/Nash Dom (La nostra casa) e vive a Vilnius in Lituania, è stata a lungo perseguitata dal regime di Alexander Lukashenko a causa del suo lavoro in difesa dei diritti civili e umani, tra cui il diritto all’obiezione di coscienza al servizio militare, che è al centro della campagna “No means no”. Tuttora Olga vive in costante pericolo per le attività: “Abbiamo iniziato questa campagna in sostegno degli obiettori –ha raccontato – perché se Lukashenko e Putin non hanno soldati non possono portare avanti la guerra”.

 

“Insieme – ha concluso – possiamo fermare la guerra se riusciamo a non far andare nessuno in guerra. Quindi vi prego non mollate!”. Per le sue attività Olga è candidata al premio Nobel per la Pace 2024 insieme al Movimento russo degli obiettori di coscienza e il Movimento pacifista ucraino.

 

 

 

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Redazione CT
Redazione CThttps://www.siciliareport.it
Redazione di Catania Sede principale
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli