Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Cumuli di rifiuti nella zona artigianale di Giarre, Barbagallo: “Bomba ecologica”

Il commissario giarrese della Lega – Salvini Premier, Giovanni Barbagallo: “Una bomba ecologica nel cuore economico della città”

Tempo di lettura: < 1 minuto

Abbandono e degrado nella zona artigianale di Giarre. A lanciare l’allarme è Giovanni Barbagallo, neo commissario giarrese della Lega – Salvini Premier, che ieri si è recato in visita nell’area che sorge nella frazione di Trepunti. “In questo luogo gli imprenditori hanno investito centinaia di migliaia di euro ed oggi si ritrovano a lavorare con una discarica a cielo aperto a pochi passi dalle proprie attività – dichiara Giovanni Barbagallo – Una vera e propria bomba ecologica nel cuore economico della nostra città. I rifiuti speciali e pericolosi hanno invaso l’area destinata al parcheggio, ledendo il decoro e la sicurezza di tutti”. Tonnellate di immondizia si sono accumulate nel tempo, davanti all’indifferenza dell’amministrazione comunale. “Ancora una volta l’amministrazione comunale è assente e silente – prosegue il commissario giarrese della Lega – Salvini Premier – Sintomo del totale disinteresse nei confronti di chi dà lavoro a centinaia di dipendenti e paga le tasse per servizi inesistenti. La Lega – Salvini Premier rimane a fianco delle attività produttive e chiede l’immediata installazione di telecamere per la video sorveglianza, la rimozione dei rifiuti speciali, la riparazione dei cancelli automatici ed una maggiore sorveglianza da parte dei vigili urbani. Noi non ci arrendiamo e continueremo a denunciare pubblicamente tutti i disagi ed i problemi che affliggono i cittadini per colpa di un’amministrazione – conclude Barbagallo – totalmente incapace di gestire sia il lavoro ordinario che quello straordinario”.

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci