spot_imgspot_img
HomeConvegniUnict convegno su "Visibile e Invisibile: percorsi Interdisciplinari per una fruibilità diffusa...

Unict convegno su “Visibile e Invisibile: percorsi Interdisciplinari per una fruibilità diffusa dei beni Museali”

Un progetto finalizzato a lavorare sui beni culturali, a riflettere sui problemi inerenti l’azione formativa del museo e dei beni culturali e sull’elaborazione di un modello didattico multidisciplinare inclusivo, ma anche di metodologie, strategie didattiche e cognitive per rendere accessibile ad un vasto pubblico l’intero patrimonio culturale

Un tema al centro del convegno dal titolo “Visibile e Invisibile: percorsi Interdisciplinari per una fruibilità diffusa dei beni Museali” in programma giovedì 16 dicembre, alle 10, nell’aula magna del Dipartimento di Scienze politiche e sociali. Un’iniziativa organizzata nell’ambito del progetto “Vin.In.Mus.A” elaborato dai dipartimenti di Scienze politiche e sociali, di Ingegneria civile e architettura e Scienze della formazione dell’Università di Catania.

Pubblicità

Nella società contemporanea, caratterizzata da apprendimenti diffusi e permanenti, il museo è inteso non più esclusivamente come luogo di contemplazione del passato, ma anche e soprattutto come centro di educazione, di produzione e promozione culturale. Un’aula didattica decentrata dove ai bambini e agli adulti disabili è offerta l’opportunità di relazionarsi con il passato per comprendere il presente e progettare il loro futuro come cittadini consapevoli. In questo contesto, il museo multisensoriale tattile diviene un luogo dinamico in cui sperimentare nuove metodologie didattiche e comunicative attraverso le Tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

 

Un progetto finalizzato a lavorare sui beni culturali, a riflettere sui problemi inerenti l’azione formativa del museo e dei beni culturali e sull’elaborazione di un modello didattico multidisciplinare inclusivo, ma anche di metodologie, strategie didattiche e cognitive per rendere accessibile ad un vasto pubblico l’intero patrimonio culturale. E ancora per migliorare la fruizione anche tattile del patrimonio storico, per potenziare l’offerta educativa in ambito museale e individuare le competenze richieste agli operatori museali e ai docenti per consentire la fruizione delle opere museali a pubblici diversificati. Tra gli obiettivi anche quello di innescare un dialogo aperto e costruttivo fra università, scuole ed enti preposti al governo dei beni culturali, associazioni del settore turistico e realtà museali.

 

 

Apriranno i lavori le docenti Pinella Di Gregorio (direttrice del Dsps) e Daniela Gulisano insieme con le referenti del progetto Paolina Mulè, Rita Maria Francesca Valenti e Valentina Perciavalle dell’Università di Catania. Interverranno le docenti dell’ateneo catanese Elena Gaetana Faraci, Roberta Piazza, Simona Rizzari, Elisabetta Sagone, Valentina Perciavalle, Agata Polizzi, Alessio Annino, Daniela Gulisano, Emanuela Paternò e Alessia Di Martino.

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Redazione CT
Redazione CThttps://www.siciliareport.it
Redazione di Catania Sede principale
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

La vignetta di SR.it

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli