Sicilia Report
Sicilia Report

UniMe
Incontro-dibattito “Globalizzazione, populismo e democrazia”: ospite dell’Ateneo il prof. Giuliano Amato

Venerdì 5 marzo 2021, alle ore 10 in diretta streaming sulle pagine Facebook Unime, Dipartimento di Giurisprudenza Unime e “Voci costituzionali”

MESSINA – Venerdì 5 marzo 2021, alle ore 10, si terrà l’incontro-dibattito su “Globalizzazione, populismo e democrazia”. Ospite dell’Ateneo, il prof. Giuliano Amato, Giudice della Corte costituzionale.
Il web seminar è organizzato nel quadro delle attività didattiche della Scuola costituzionalistica messinese e si lega altresì alle attività formative previste nell’ambito del Dottorato di ricerca in Scienze giuridiche.

Bottone 980×300

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sulle pagine Facebook Unime, Dipartimento di Giurisprudenza Unime e “Voci costituzionali”.
Dopo i saluti del Magnifico Rettore, Prof. Salvatore Cuzzocrea, del Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza, Prof. Francesco Astone e della Coordinatrice del Dottorato in Scienze giuridiche, Prof.ssa Concetta Parrinello, seguirà l’introduzione dei lavori da parte dei Professori Antonio Saitta e Giacomo D’Amico, ordinari di Diritto costituzionale presso il Dipartimento di Giurisprudenza

Nel corso dell’evento, il Prof. Giuliano Amato, Giudice della Corte costituzionale, discuterà dei temi oggetto dell’incontro con i giovani studiosi di diritto costituzionale dell’Ateneo (dottorandi, dottori di ricerca e assegnisti di ricerca), insieme al Prof. Gaetano Silvestri, Presidente emerito della Corte costituzionale e attuale Presidente dell’Associazione Italiana dei Costituzionalisti.

L’idea organizzativa alla base dell’incontro è quella di coinvolgere gli studiosi più giovani (dottorandi, dottori di ricerca e assegnista) invitandoli a formulare domande ai relatori partendo dagli spunti offerti dagli scritti e dalle sentenze di cui è stato relatore il Prof. Giuliano Amato (c.d. Role playing formativo).
È previsto il riconoscimento di 0.25 CFU per gli studenti dell’Ateneo messinese.
Si auspica un’ampia partecipazione della comunità accademica e della cittadinanza.

Commenti