Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Il Cutgana “lancia” la campagna #MicroplasticRisk@Salute

Promossa dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania nell’ambito del progetto “Pianeta&Salute”

Tempo di lettura: < 1 minuto

CATANIA – Prosegue la campagna di sensibilizzazione #MicroplasticRisk promossa dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania nell’ambito del progetto “Pianeta&Salute”.
Dopo le iniziative itineranti estive lungo i litorali dell’Isola Bella e della Baia di Mazzarò a Taormina, dell’Isola Lachea e della Riviera dei Ciclopi ad Aci Trezza e a Aci Castello mirate a contrastare l’abbandono della plastica nelle spiagge – con la collaborazione di diversi stabilimenti balneari -, adesso il Cutgana “lancia” l’iniziativa #MicroplasticRisk@Salute.

La nuova campagna – rivolta a enti pubblici, scuole, associazioni e club service – sarà avviata in autunno con l’obiettivo di informare il grande pubblico sui pericoli e i danni che le microplastiche possono causare alla salute umana al fine di assumere i giusti comportamenti e effettuare scelte consapevoli.
«Sono molto soddisfatta dei risultati ottenuti con la campagna estiva #MicroplasticRisk contro l’abbandono delle plastiche in spiaggia – ha spiegato la dott.ssa Natalia Leonardi, coordinatrice del progetto “Pianeta&Salute” diretto dalla prof.ssa Margherita Ferrante -. Siamo riusciti a raccogliere e smaltire correttamente una grandissima quantità di plastica evitando la dispersione in mare grazie agli operatori di Aci Trezza e Taormina e a tutti coloro che hanno partecipato attivamente a questa mission. L’apporto degli operatori locali è stato determinante anche per il raggiungimento degli obiettivi del Cutgana, ente gestore delle riserve naturali “Isola Bella” di Taormina e “Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi” di Aci Trezza».
«Il nostro impegno continua con questa nuova campagna di sensibilizzazione rivolta ai cittadini con lo scopo di sensibilizzare e informare sugli effetti che le microplastiche possono avere sulla nostra salute» conclude la dott.ssa Leonardi.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci