CATANIA – Dalla discussione della tesi di laurea al laboratorio delle aziende. Il passo è stato davvero breve per Cesare Bimbi, Massimiliano Chiantello, Stefano Giugno, Davide Guarnera e Gabriele Nicolosi, cinque neo-laureati del corso magistrale in Ingegneria elettronica che ieri hanno completato il percorso di studi all’Università di Catania. E già hanno timbrato il cartellino, o lo faranno a breve, in importanti aziende del territorio in cui hanno effettuato una parte della loro formazione universitaria grazie alle collaborazioni instaurate in questi anni dal Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e Informatica.
E così la “prima” seduta di laurea in presenza, dopo un anno di discussioni di tesi online, si è trasformata in un’autentica festa nell’aula magna del Polo Tecnologico di via Santa Sofia alla Cittadella universitaria con i cinque neo-dottori che hanno conseguito il titolo con il massimo dei voti.

Pubblicità

«La circostanza è del tutto singolare e rappresenta una testimonianza dell’abnegazione, passione e impegno con cui questi neolaureati, come anche tanti altri loro colleghi, si distinguono nell’affrontare gli studi, nonostante le evidenti difficoltà psicologiche e materiali causate dal periodo di pandemia che stiamo vivendo – commenta il prof. Salvatore Pennisi, presidente del corso di laurea magistrale in Ingegneria elettronica -. Queste difficoltà, inoltre, non hanno impedito alla maggior parte di loro di svolgere la propria attività di tesi anche nelle aziende con cui il Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e Informatica collabora stabilmente».
«Tutti i laureati di oggi o sono già stati assunti da importanti aziende del settore o sono in procinto di esserlo – continua il prof. Pennisi -. Tutto ciò esprime anche un trend ormai consolidato negli ultimi anni ad ulteriore indicatore della forte e costante richiesta da parte del mercato del lavoro di ingegneri elettronici capaci e dalle solide basi come quelli che l’Università di Catania riesce a formare».

La commissione di laurea era costituita, oltre che dal presidente, anche dai docenti Gianluca Giustolisi, Gaetano Palumbo, Santi Concetto Pavone e Santi Agatino Rizzo.