Sicilia Report
Direttore Paolo Zerbo
Montalto 336×280

Chi studia non paga il biglietto, un premio da Legambiente per l’iniziativa dell’Ateneo

Nel corso della manifestazione “Ecosistema urbano” promossa da Legambiente, Ambiente Italia e dal Sole 24 Ore che si è tenuta nei giorni scorsi a Mantova

CATANIA – L’iniziativa “Chi studia non paga il biglietto” dell’Università di Catania è stata premiata come “best practice” nel corso della manifestazione “Ecosistema urbano” promossa da Legambiente, Ambiente Italia e dal Sole 24 Ore che si è tenuta nei giorni scorsi a Mantova. Il premio è stato ritirato, a nome dell’Università etnea, dal prof. Giuseppe Inturri, docente di Trasporti e delegato d’Ateneo alla mobilità sostenibile, tra i principali ideatori del progetto.
L’idea lanciata lo scorso anno dall’Ateneo, in collaborazione con AMT e Ferrovia Circumetnea, che prevede la concessione di abbonamenti gratuiti per viaggiare sui mezzi urbani cittadini e raggiungere le sedi universitarie senza ricorrere ai mezzi privati, continua infatti a riscuotere gradimento tra gli utenti e riconoscimenti a livello nazionale e internazionale e ha già introdotto significative trasformazioni nel centro urbano, riducendo gli impatti ambientali e migliorando la qualità della città.
Un’indagine che ha coinvolto il 10% degli iscritti ai vari corsi di laurea evidenzia che attualmente circa il 45% degli universitari usa il trasporto pubblico (prima dell’iniziativa era appena il 26%). Si sale addirittura al 50% se si considerano anche il park&ride e il metro-shuttle (il servizio navetta dalla stazione metro Milo fino al parcheggio Santa Sofia). La metropolitana è gettonatissima, così come la linea BRT. Le aziende stanno mettendo a punto sistemi di monitoraggio innovativo per misurare con precisione l’utilizzo delle diverse linee.

Bottone 980×300

L’Università di Catania per questa stessa iniziativa ha ricevuto a marzo il premio Best Practice on Sustainable Mobility at Universities (nell’ambito del programma di ricerca U-MOB LIFE finanziato dalla Commissione europea) e più recentemente ha sviluppato un progetto sperimentale per monitorare gli spostamenti effettivi degli studenti su tutte le tipologie di mezzo pubblico.

I commenti sono chiusi.