Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Sul palco de L’Istrione “L’Orso” e “La domanda di matrimonio” di Anton Cechov

In scena venerdì 13 e sabato 14 dicembre alle ore 21.00 e domenica 15 alle ore 18.00 con Filippo Brazzaventre (interprete e regista), Debora Bernardi e Aurelio Rapisarda

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA – Il Teatro L’Istrione di Catania diretto da Valerio Santi, prosegue la sua stagione teatrale con due classici del repertorio russo, ovvero L’Orso e La domanda di matrimonio, due divertentissimi atti unici scritti da Anton Cechov. «Acuto osservatore del decadimento morale e intellettuale della società russa, Čechov anticipa caratteri e temi del moderno teatro novecentesco, l’attenzione talvolta morbosa per il dettaglio psicologico modellato sul tragico quotidiano, sono alcuni degli elementi caratteristici del suo teatro» spiega Filippo Brazzaventre, regista e interprete degli spettacoli, «Cechov è stato capace di denunciare con semplicità la crisi della società del suo tempo, attraverso una drammaturgia fatta di non detti, di desideri inesauditi, di un passato cristallizzato e di un presente insufficiente a soddisfare gli animi dei personaggi.» L’orso, è una breve opera teatrale in un atto unico di Anton Čechov, scritta nel 1888. Protagonista è Elena Ivanovna Popova, una vedova inconsolabile che ha giurato, dopo la morte del marito, di non uscire più di casa e di non frequentare più alcun uomo, nonostante le insistenti preghiere a ripensare la sua decisione da parte del suo servitore Luka. La situazione si capovolge quando l’ex ufficiale di artiglieria Smirnov va dalla Popova a riscuotere delle cambiali. Il rifiuto di lei a pagare e la volontà di lui ad esigere quanto dovuto originano un dialogo concitato, che degenera in un duello fra la vedova e l’ex ufficiale. La domanda di matrimonio, scritta nello stesso anno, racconta invece l’arrivo di Ivan Vasilevic Lomov in casa del possidente Stepan Stepanovic Cubukov per chiedere in moglie la figlia Natalia, che a sua volta, convinta che Lomov sia venuto per un contratto d’affari, scoprirà solo alla fine che si trattava di un contratto di matrimonio. Tutto il testo è basato su questo equivoco. Partendo da una piccola disputa sulla proprietà di un prato o da un diverbio sulle capacità dei propri cani, i due continueranno a scambiarsi invettive in un crescendo di battibecchi comici dallo scoppiettante finale.

In scena sul palco de L’Istrione, oltre lo stesso Filippo Brazzaventre che ne firma anche la regia, Debora Bernardi e Aurelio Rapisarda, venerdì 13 e sabato 14 dicembre alle ore 21.00 e domenica 15 alle ore 18.00. Per info e prenotazioni 338/4926145.
L’Orso | La domanda di matrimonio
Di Anton Čechov
Regia Filippo Brazzaventre
Con Debora Bernardi, Filippo Brazzaventre e Aurelio Rapisarda
Produzione Teatro L’Istrione Catania
Teatro L’Istrione di Catania 13, 14 dicembre ore 21.00, 15 dicembre ore 18.00

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci