MESSINA – Ingresso gratis allo stadio di Messina in occasione della partita casalinga, in programma il 31 ottobre tra la squadra giallorossa e il Campobasso per chi si vaccinerà da oggi al30 ottobre. “Abbiamo pensato di ripetere un’iniziativa, già organizzata in precedenza insieme all’Acr Messina, per incentivare le vaccinazioni anche tra i supporter giallorossi – spiega il commissario dell’emergenza Covid 19 di Messina, Alberto Firenze -. La società calcistica si è dimostrata già da tempo molto sensibile alla campagna vaccinale, che da subito ha promosso attivamente tra atleti e supporter”.

Pubblicità

 

“L’obiettivo è permettere ai tifosi di tornare insieme ad assistere alle competizioni sportive in totale sicurezza – aggiunge -. Questo è un segnale importante per la promozione della campagna vaccinale da parte della squadra di calcio, soprattutto dopo le proteste contro il vaccino e il green pass, sfociate nei giorni scorsi in scontri con le forze dell’ordine a Roma e assalti alla sede della Cgil, che condanniamo fermamente”.

E’ la seconda iniziativa di questo tipo, già il 19 settembre alcuni tifosi dopo essersi vaccinati hanno assistito gratuitamente alla partita in casa allo Stadio Franco Scoglio tra Messina e Virtus Francavilla. I supporter, anche in questa occasione, dovranno presentarsi in biglietteria con la carta d’identità e il green pass che permetterà di attestare l’avvenuta somministrazione nei giorni previsti e assisteranno gratuitamente al match.

“Siamo lieti di poter dare il nostro contributo alla campagna di vaccinazione – ha detto Giuseppe Bellantoni, responsabile gestione eventi  dell’Acr Messina – e siamo certi che i nostri tifosi apprezzeranno questa iniziativa, che interviene in un momento nel quale è sempre più complicato manifestare liberamente la propria adesione alla campagna vaccinale, dopo le vicende violente dei giorni scorsi e i continui attacchi, anche verbali, a chi è favorevole alla vaccinazione che ci hanno lasciato con l’amaro in bocca”.
(Adnkronos)

 

 

COPYRIGHT SICILIAREPORT.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità