“ILIADE” da Omero con Corrado D’Elia per Palco Off

di
Must- Teatro Musco, Via Umberto, 316- Catania sabato 9 ore 21.00 / domenica 10 febbraio ore 18.00

CATANIA – Sabato 9 e domenica 10 febbraio, in scena al Must-Teatro Musco di Catania, per la settima stagione di Palco Off, Iliade da Omero, di e con Corrado d’Elia, un moderno cantore per ripercorrere il mito e riavvolgere quel filo che collega anche oggi, soprattutto oggi, epica, narrazione e presente.

Non solo uno spettacolo teatrale, ma un’occasione per il pubblico di rivivere il rito antico della condivisione dell’arte; solo, su uno sgabello, l’attore, nei panni di un moderno cantore, inchioda letteralmente lo spettatore e racconta le vicende della prima grande guerra di cui abbiamo notizia, dando vita a personaggi che da sempre ci hanno affascinato; Agamennone, Achille, Elena, Ettore, Paride, Priamo.

Corrado d’Elia riprende il tema dell’amore e dell’odio che Omero cantava quasi 3000 anni fa, le gesta di quei grandi uomini, le loro passioni, sono i medesimi di oggi, hanno la stessa potenza dirompente, la stessa intensa capacità di emozionarci e di farci riflettere.

Uno degli “album” di Corrado d’Elia più sentiti ed appassionati, uno spettacolo ricco di emozioni e dalla potenza evocativa straordinaria.

L’Iliade non è solo uno dei pilastri della nostra letteratura, ma è anche l’archetipo e il paradigma del nostro sentire. È l’origine, il master, il conio da cui ancora oggi muoviamo per raccontare e immaginare le nostre passioni, le nostre vite, le nostre relazioni e la nostra storia.
I sentimenti degli esseri umani non hanno tempo…

Ognuno di noi, anche chi non lo sa, anche chi non lo immagina, è intriso fino al midollo dell’umanità del mito. Da li veniamo tutti. A quell’origine tutti apparteniamo.
Per questo ancora oggi sentiamo l’urgenza di raccontare questa storia straordinaria. Non solo per unirci ad un rito antico come il tempo, ma per vivere appieno il suo straordinario percorso di umanità e di contemporaneità.

NOTE DI REGIA

Una riscrittura a nuovo, in forma rigorosamente poetica, come l’originale, per essere raccontata ad alta voce. Logos ed Epos incontrano così il nostro tempo nell’unica forma possibile, la ποίησις (poiesis), nel suo senso primo e originale, la creazione.
Le parole trovano allora il coraggio di rivelarsi nel loro senso più vero, più alto, più puro, diventano luogo dell’anima, reagendo alla perdita di significato che ogni giorno il nostro tempo ci propina. L’antico si fa contemporaneo e l’ancestrale si incarna nel tempo nuovo.
Ne nasce uno spettacolo “interrotto” da 10 stanze.

Stanze che sono momenti di riflessione, elegia e salmo su cui ogni tanto fermarsi e meditare; trovare il tempo giusto per comprendere ed assimilare fino in fondo. (Corrado d’Elia)

Prima dello spettacolo vi sarà il consueto Aperioff.

Dopo lo spettacolo chiacchierata libera con l’attore.