14.2 C
Catania
venerdì, Febbraio 23, 2024
spot_imgspot_img
HomeProvinceCataniaCts: due serate dedicate all'opera di Vincenzo Rabito a Lentini e a...

Cts: due serate dedicate all’opera di Vincenzo Rabito a Lentini e a Sant’Agata li Battiati

Venerdì 3 novembre alle ore 19,00 all’Auditorium del Centro Polifunzionale della Biblioteca di Lentini (via Aspromonte 5) e Sabato 4 novembre alle ore 19,00 al Teatro Comunale di Sant’Agata Li Battiati (via dello Stadio 19), il CTS Centro Teatrale Siciliano, in concorso con le rispettive Amministrazioni Comunali, presenterà lo spettacolo teatrale dopo Terra matta LA CRANTE QUERRA da Vincenzo Rabito con Graziana Maniscalco, introduzione e regia Nino Romeo, durata 1 ora e 15 minuti.

Pubblicità

 

Quando, nel 2007, Terra matta di Vincenzo Rabito venne pubblicato, fu subito un clamoroso caso editoriale.
Mentre i critici letterari discettavano se si trattasse di letteratura, i lettori di tutta Italia accorrevano nelle librerie, incitati da un passaparola travolgente.
Nacque il rabitese, aggettivo e sostantivo.
I rabitesi usavano interiezioni ed espressioni tratte dal libro, creando complicità tra loro; si riunivano per leggere pagine di Terra matta.

In effetti, quell’autobiografia che copre settant’anni cruciali della storia d’Italia (dalla prima guerra mondiale, la crante querra, sino agli anni Settanta), raccontata nella lingua di un inafabeto (come si definisce lo stesso Rabito), autodidatta non scolarizzato, costituisce un unicum della scrittura memorialistica. Il tentativo dell’Autore di raccontarsi in italiano formale gli consente di creare un  linguaggio suo proprio, irriproducibile per termini e sintassi, e, dunque, originale; un linguaggio che può apparire ostico al primo approccio, ma che diventa, con il procedere della lettura, un vortice lessicale che ha risucchiato migliaia di lettori in Italia dai quali è sorto il clan nazionale dei rabitesi.

Ad anni dalla pubblicazione di Terra matta, Giovanni Rabito, figlio di Vincenzo, rovistando tra le carte del padre, ritrova un secondo dattiloscritto di 1486 pagine: lavora per anni alla revisione e all’adattamento di questo secondo scritto e lo dà alle stampe con il nome di Il romanzo della vita passata. Questa seconda autobiografia ripercorre le tappe della prima, arricchendola di episodi e di particolari; ma se ne distacca, soprattutto, perché l’Autore pare aver assunto maggiore consapevolezza e padronanza della scrittura.

Abbiamo chiesto a Giovanni Rabito di ricavare dai dattiloscritti del padre un testo che avesse un destino scenico da cui, poi, Nino Romeo ha ricavato un copione teatrale allineato al progetto di rappresentazione che ora proponiamo.

 

Lo spettacolo è inserito nella rassegna itinerante Da Sicilia a Sicilia.
Ad esso seguiranno gli spettacoli Caricature frivole dall’opera di Vitaliano Brancati e
Uno, nessuno e centomila da Luigi Pirandello.

 

 

 

 

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Redazione CT
Redazione CThttps://www.siciliareport.it
Redazione di Catania Sede principale
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli