Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Al Teatro Roots ci sarà “Un Natale Straordinario”

Venerdì 27 dicembre, ore 18.00, dedicato a grandi e piccini per riflettere sul significato del Natale

Tempo di lettura: < 1 minuto

CATANIA- Aria di festa e divertimento al Teatro Roots, in via Borrello 73 a Catania, con lo spettacolo “Un Natale Straordinario” che andrà in scena venerdì 27 dicembre, ore 18.00, dedicato a grandi e piccini per riflettere sul significato del Natale e su valori fondamentali come l’amicizia, la bontà e lo stare insieme in armonia.
La regia è affidata ad Antonella Caldarella autrice anche dell’originale storia, una fiaba musicale, colorata e moderna interpretata da Steve Cable con Giuditta Nicosia e Simona Nicotra per una prodizione “La Casa di Creta”.
“La messa in scena- dichiara Antonella Caldarella- racconta una nuova avventura di Babbo Natale vittima della strega Tecgia, intenta a rendere le persone dei tristi ed asociali robot attraverso il suo seducente “Ipnopad” mentre i folletti, Folli ed Etta, non capiscono cosa sia successo fin quando non arriva Greta, una bambina allegra e battagliera che cerca l’aiuto di Babbo Natale per fermare quest’epidemia di solitudine dilagante che sta invadendo il pianeta”.
“Un Natale Straordinario” è una pièce che, con le musiche originali di Steve Cable, i costumi di Noa Prealoni e Susanna Messina autrice delle scene, parla del nostro quotidiano e come la tecnologia abbia preso il sopravvento arrivando, purtroppo, in alcuni casi a cancellare i rapporti umani con un click.
“Lo spettacolo- aggiunge Steve Cable direttore artistico di Roots insieme ad Antonella Caldarella- è una storia originale ricca di contenuti che tra canzoni inedite e gags divertenti aiuterà tutte le vittime di Tecgia rendendo questo Natale semplicemente straordinario e finalmente a dimensione umana”.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci