Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

San Gregorio: Distribuite le derrate alimentari e le Card per l’acquisto di beni di prima necessità

Grande è stata la risposta all’iniziativa del “Carrello solidale” dove sono state raccolte derrate alimentari di prima necessità in quantità notevoli e i sangregoresi si sono dimostrati generosi e presenti

Tempo di lettura: 2 minuti

SAN GREGORIO (CT) – Dopo una lunga campagna di solidarietà e di interventi istituzionali per aiutare le famiglie in difficoltà durante l’emergenza del coronavirus, il sindaco di San Gregorio, Carmelo Corsaro, ha fatto il punto della situazione che può considerarsi soddisfacente.
Grande è stata la risposta all’iniziativa del “Carrello solidale” dove sono state raccolte derrate alimentari di prima necessità in quantità notevoli e i sangregoresi si sono dimostrati generosi e presenti.
Oltre alle singole donazioni, grossi quantitativi di merce sono arrivati dall’MD discount SpA, nella persona del cav. Patrizio Podini, e dal comando tedesco della Nato di stanza a Sigonella coordinato dal col. Asmus.
In questi giorni, inoltre, sono state distribuite le Card per l’acquisto di prodotti e beni di prima necessità. All’ufficio dei Servizi sociali del Comune sono arrivate oltre trecento richieste di aiuto; sono state accolte quelle meritevoli, e questo grazie anche alle donazioni ricevute per mezzo del conto corrente aperto dal Comune per la raccolta fondi.
Le richieste sono state divise in tre fasce: A, B e C. Al momento sono state soddisfatte quelle delle A e B, cioè quelle a maggiore necessità. In questi giorni saranno evase anche le richieste della fascia C.

Grazie ai fondi di solidarietà, l’Amministrazione comunale ha inteso integrare le somme già destinate da fonti istituzionali di altre 100 euro le card della fascia A, di altre 50 euro per la fascia B e accontentare coloro che sono rientrati in quella C.
«Sento il dovere di ringraziare di cuore – ha dichiarato il primo cittadino, Corsaro – tutti coloro, cittadini e aziende, che ci hanno fin qui supportato mostrando la loro solidarietà nei confronti delle famiglie sangregoresi. I risultati relativi al “Carrello solidale” sono stati eccezionali – ha continuato il dott. Corsaro -, cosicché abbiamo potuto distribuire le derrate già prima di Pasqua. Abbiamo istituito il conto corrente bancario per la solidarietà alle famiglie in difficoltà e il vostro slancio è stato grande, una testimonianza di vera fratellanza sociale. È in un momento come questi – ha concluso – che viene fuori il meglio dell’uomo e della società».
Fra le aziende che l’Amministrazione Corsaro ha ringraziato rientra anche l’Enterfarma di Antonio Finocchiaro per aver fornito mascherine protettive destinate alle famiglie meno abbienti, la Sielte Spa della famiglia Turrisi che donando un’ingente quantità di buoni spesa ha permesso di soddisfare tutte le istanze fin qui pervenute.
« Con tanta soddisfazione – ha commentato l’assessore ai Servizi sociali, Seby Sgroi – ringrazio tutti i dipendenti comunali, capi area, ma soprattutto di tutta la cittadinanza, che con alto senso di responsabilità ed altruismo in pochissimo tempo hanno permesso di mettere in campo tutte le azioni atte a sostenere la nostra comunità, in particolar modo con il primo sostegno Nazionale pari a €. 62.500.000,00 per contrastare questo momento di difficoltà sociale ed economica.
«Preciso altresì – ha continuato il geometra Sgroi -, che questa Amministrazione ha in corso di valutazione altri sostegni socio economico per la nostra comunità, in armonia con le disposizioni di legge in materia. Desidero ringraziare altresì – ha concluso l’assessore -, le Associazioni di volontariato, gli imprenditori e tutti i privati che con tanto senso di generosità ed altruismo stanno collaborando in questo momento difficile».

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci