spot_imgspot_img
HomeSiciliaSchifani “Fi diventi forza plurale. Bene Meloni, mi rappresenta”

Schifani “Fi diventi forza plurale. Bene Meloni, mi rappresenta”

Schifani “Fi diventi forza plurale. Bene Meloni, mi rappresenta”

MILANO (ITALPRESS) – Non sono candidato alla leadership di Forza Italia e voterò per Antonio Tajani, ma bisogna fare in modo che il partito da leaderistico diventi pluralistico. Lo ha detto il presidente della Regione Sicilia, e storico esponente di Fi, intervistato da “Il Giornale” in edicola oggi. “Fermo restando che il simbolo di Forza Italia e il nome di Berlusconi per noi sono irrinunciabili. C’è però una vasta area popolata da persone
che fanno riferimento diretto al Partito popolare europeo. Ed è lì in quell’area che dobbiamo cercare nuove aggregazioni” aggiunge. Per l’Azzurro bisogna dare seguito “all’ultima ambizione di Silvio Berlusconi sul Partito repubblicano. Fino a pochi giorni prima della sua scomparsa parlava con entusiasmo dell’aggrega zione di altri soggetti dell’area liberale e moderata per un nuovo e più ampio movimento – aggiunge -. Io preferisco muovermi secondo quello che è sempre stato il desiderio di Berlusconi: aggregare e mai dividere. Lo stesso Berlusconi anteponeva la creazione di un’area liberale, riformista e moderata agli egoismi personali e soggettivi. Ora dobbiamo mettere in pratica quel progetto e quella visione di società rinnovandoci in una logica di perimetro”. “Il partito repubblicano pensato da Berlusconi era appunto l’aggregazione del centro moderato e la destra italiana responsabile. Quindi non estre mista o xenofoba” dice ancora il governatore della Sicilia. Schifani punta anche ad un maggior peso dei moderati all’interno del centrodestra: “L’errore storico dell’area moderata e centrista, alternativa alla sinistra, è stata la sua parcellizzazione, con l’eccezione però di Forza Italia che ne ha costituito e costituisce il grande corpo principale”. “Parto dalla Sicilia, come è naturale, ma guardo anche altrove – aggiunge Schifani -. Penso quindi al movimento di Raffaele Lombardo, con il suo movimento dell’autonomia, e all’area che fa riferimento a Totò Cuffaro. Bisogna però cambiare passo”. Non pensa invece a Renzi il governatore siciliano: “A unirci è soltanto l’essere entrambi paladini del garantismo. Tutto qui. Renzi è stato segretario del Pd. E il suo campo di manovra (anche a livello europeo, dove non siede certo tra i popolari europei) è ben diverso dal nostro. Italia Viva poi è ridotta al lumicino e non mi pare che Renzi sia in grado di espandere il consenso. Comunque non è una questione di singoli ma di movimenti”. Infine, un elogio a Giorgia Meloni: “La leadership di Giorgia Meloni è salda. Lei sa mediare molto bene tra la propria convinzione politica e le esigenze di Stato. Seppur giovane è completa e brilla anche a livello internazionale. Da lei mi sento pienamente rappresentato sia come cittadino che come presidente della Regione Sicilia”.(ITALPRESS).

Pubblicità

Foto: Agenzia Fotogramma


Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli