Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Inquinamento marino da plastiche e micro-plastiche, l’importanza del monitoraggio delle correnti marine con l’uso dei sistemi HF costieri

Mercoledì 11 dicembre, a Pozzallo, il seminario del progetto Calypso South

Tempo di lettura: 2 minuti

POZZALLO (RG) – Le problematiche del marine litter, delle micro plastiche e più in genere dell’inquinamento in mare. Una tematica sempre più attuale grazie anche ad una maggiore sensibilità della popolazione mondiale per la difesa dell’ambiente e per l’impatto negativo sui territorio che basano il proprio sviluppo socio-economico sul turismo.
Su questo argomento – mercoledì 11 dicembre, dalle 9,30, nei locali dello Spazio Cultura Meno Assenza (Corso Vittorio Veneto 341) a Pozzallo – interverranno esperti del settore nel corso del seminario dal titolo “Marine litter, micro-plastic and sea pollution: state of the art, perspectives and use of HF radars” organizzato dal Polo Universitario di Trapani dell’Università di Palermo nell’ambito del progetto “Calypso South” – Interreg Italia-Malta.
Al centro del seminario anche le altre sorgenti di inquinamento, come gli sversamenti di idrocarburi che, nel canale tra la Sicilia e Malta, rappresentano una problematica importante visto l’elevato traffico di navi cisterna che espone l’intera area a un rischio di inquinamento.
In questo contesto la rete di monitoraggio “Calypso”, basata su sistemi Hf costieri, fornisce, grazie al monitoraggio dei campi in 2D delle correnti marine superficiali, una visione di insieme della circolazione marina e rappresenta uno strumento utile per intraprendere azioni mirate di mitigazione degli impatti generati da questi inquinanti.

Dopo i saluti delle autorità, il prof. Aldo Drago dell’Università di Malta (Calypso South Project Leader) aprirà i lavori del meeting.
A seguire gli interventi di Cecilia Silvestri dell’Ispra sul tema “Transboundary marine litter pollution”, di Vincenzo Ruvolo e Salvatore Campanella di Arpa Sicilia sul tema “Strategia Marina: il descrittore 10 tra attività di campo e di laboratorio; integrazioni con i dati della rete radar Calypso”, del comandante della Capitaneria di porto di Pozzallo Pierluigi Milella sul tema “Plastic Free: un impegno costante della Guardia Costiera italiana” e del presidente della sezione di Pozzallo della Lega navale italiana, Luigi Tussellino sul tema “La Lega Navale Italiana, quali ruoli per la salvaguardia ambientale marina”. Dopo la presentazione a cura della NGO Zibel, Nature Trust and Ambjent Malta “Maltese stakeholders on initiatives related to marine litter and plastics”, chiuderà i lavori il prof. Giuseppe Ciraolo dell’Università di Palermo (Sicilian Focal Point).

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci