Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Sanità: Razza, “sistema Sicilia regge e dobbiamo curare anche pazienti non covid”

Tempo di lettura: < 1 minuto

Palermo, 15 set. – “Non abbiamo ragione di temere che la rete ospedaliera della nostra Regione non sia in condizione di reggere all’epidemia e non possiamo permetterci di non curare chi non è malato di Covid. Non possiamo più bloccare l’attività ospedaliera e ambulatoriale come abbiamo fatto nei primi mesi dell’epidemia”. Così l’assessore alla Salute della Regione siciliana Ruggero Razza. “Abbiamo allargato la ‘Rete Covid’ a tutta la Regione, preparato il sistema ad accogliere il numero di pazienti in arrivo, con la capacità di ampliarsi in 48 ore – ha aggiunto – ma contemporaneamente abbiamo il dovere di continuare a svolgere la regolare attività. Ci sono meno di duemila persone positivi al Covid mentre sono molte di più quelle con altre patologie e che non possono essere snobbate dal sistema sanitario della Regione”.

Oggi in Sicilia i pazienti Covid ospedalizzati sono meno rispetto a quando eravamo in lockdown”. A dirlo è l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza. “Nei primi mesi di epidemia il rapporto fra casi positivi/ospedalizzati era molto alto – ha aggiunto – Oggi su 1800 positivi ospedalizzati abbiamo 136 ricoverati e 16 in Terapia intensiva. Un dato che rispecchia la crescita della capacità del territorio di individuare gli asintomatici”. Il picco, ha ricordato Razza, “lo abbiamo avuto il 6 aprile con 637 pazienti ricoverati e 74 in Terapia intensiva”.
(Adnkronos)

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci