Palermo, 27 set. (Adnkronos) – Rallenta ancora in Sicilia la diffusione del Covid 19. A confermarlo sono i dati della scorsa settimana diffusi ieri dal Dipartimento della Protezione Civile e resi noti dall’ufficio statistica del Comune di Palermo. “La settimana appena conclusa – scrivono dal Comune – conferma e rafforza la tendenza al rallentamento della diffusione del Covid-19 in Sicilia: sono diminuiti i nuovi positivi, gli attuali positivi, i ricoverati, i nuovi ingressi in terapia intensiva e i decessi”. Nella settimana appena conclusa i nuovi positivi in Sicilia sono 3.377, il 23,8% in meno rispetto alla settimana precedente, quando già si era registrata una diminuzione del 29,1%. E’ diminuito anche il rapporto fra tamponi positivi e tamponi effettuati, passato dal 3,6% al 3,1%.

 

Il numero degli attuali positivi è pari a 17.003, 4.033 in meno rispetto alla settimana precedente. Le persone in isolamento domiciliare sono 16.396, 3.882 in meno rispetto alla settimana precedente e i pazienti ricoverati sono 607, di cui 73 in terapia intensiva. Rispetto alla settimana precedente sono diminuiti di 151 unità (i ricoverati in terapia intensiva sono diminuiti di 28 unità). Ventisei i nuovi ingressi registrati in terapia intensiva (il 48% in meno rispetto ai 50 della settimana precedente). Il numero dei guariti(272.734) è cresciuto di 7.318 unità rispetto alla settimana precedente e la percentuale dei guariti sul totale positivi è pari al 92% (90,5% domenica scorsa).

Sono invece 92 i morti registrati nella scorsa settimana contro i 116 della settimana precedente; a causa di alcuni riconteggi però il numero provvisorio di persone decedute attribuibili alla settimana appena conclusa è pari a 49. Complessivamente le persone decedute sono6.785, e il tasso di letalità (deceduti/totale positivi) è pari al 2,3% (come la settimana scorsa). Infine i ricoverati complessivamente rappresentano il 3,6% degli attuali positivi e i ricoverati in terapia intensiva sono lo 0,4%.
(Adnkronos salute)

 

 

 

COPYRIGHT SICILIAREPORT.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA